Il grande sollievo dopo il primo turno elettorale francese soppianta le tre settimane di cautela con cui i mercati si erano avvicinati alle presidenziali d’oltralpe, memori dello spiazzamento che dieci mesi prima – nel giugno 2016 − era a sorpresa arrivato dalla consultazione referendaria d’oltremanica.

Alla riapertura delle contrattazioni settimanali di lunedì 24 aprile la reazione allo scampato pericolo della consegna dell’Eliseo all’estrema destra ha prodotto un balzo dei listini azionari europei, scartando al rialzo tutta la cautela sopraggiunta dall’inizio di aprile, cautela che aveva portato ad una certa volatilità nel segnale direzionale di breve negli indici stessi, senza tuttavia mai precludere il quadro tattico di Dax e Ftse Mib, che ha perseverato nella proposta rialzista.

Vi è da dire che manca ancora il suggello definitivo del ballottaggio, sul cui il mercato non scruta sorprese, al momento. 

E adesso cosa cambia nello scenario operativo di Dax e Ftse Mib?

La risposta passa – come sempre nell’approccio Candle Model – seguendo le tracce nella segnaletica operativa sulle diverse scale grafiche degli indici osservati.

Aggiorniamo dunque la ricognizione delle indicazioni operative sul Dax e Ftse Mib,  con uno sguardo strategico-operativo attingendo al quadro mensile, in interpretazione operativa tattica attraverso il quadro settimanale, interpellando infine il quadro giornaliero per definire il segnale direzionale di breve.

A tal proposito, all’ITForum 2017 sarà ospitato un evento specifico in cui verrà presentata la polivalenza applicativa dell’analisi Candle Model, fino alla sua capacità di organizzare un approccio sistematico ai mercati finanziari.