Autogrill (+0,6% a 11,07 euro) punta a crescere in Germania, dove è attualmente presente con 55 locali in totale, per un fatturato complessivo di circa 100 milioni di euro (dato 2016). Il gruppo ha avviato trattative in esclusiva con Boulangerie Neuhauser (gruppo Soufflet) per l'acquisizione di Le CroBag, società che gestisce in Germania, Austria e Polonia 124 locali a insegna propria, parte a gestione diretta e parte concessi in licenza, con ricavi complessivi per oltre 80 milioni nel 2016. L'operazione, se conclusa con successo, permetterebbe ad Autogrill di entrare nel canale delle stazioni della Germania, il più grande d'Europa, che vale oltre 600 milioni di euro. Ricordiamo anche che il gruppo controllato dalla famiglia Benetton a inizio settimana ha annunciato l'attuazione del progetto di riorganizzazione societaria approvato in via definitiva dal cda dello scorso 9 novembre. Il progetto prevede il conferimento in natura da parte di Autogrill di tre rami d'azienda a tre diverse società a responsabilità limitata (che dal 1° gennaio 2018, data dell'efficacia dei conferimenti, si trasformeranno in società per azioni) il cui capitale sociale è interamente detenuto da Autogrill e, precisamente, ad Autogrill Italia Srl, Autogrill Advanced Business Service Srl e GTA Srl. L'analisi del grafico di Autogrill evidenzia il movimento laterale degli ultimi mesi al di sotto del record storico a 11,64 euro toccato nella prima metà di ottobre. Il titolo, in caso di superamento di 11,20, avrebbe l'opportunità di attaccare il record ed eventualmente riattivare la tendenza ascendente di lungo periodo verso 12,10 almeno (lato alto del canale ipotizzabile dal 2012). Segnali di debolezza alla violazione di 10,50, prologo a un affondo sull'importante supporto a 9,80/9,90.