Petrolio: chiusura in calo ieri per le quotazioni dell'oro nero che si sono fermate a 50,6 dollari, in flessione dell'1,36%.

Giappone: conclusione positiva anche oggi per la piazza azionaria nipponica che ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi a 21.155,18 punti, in progresso dello 0,96%.

Wall Street: chiusura debole ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono scesi rispettivamente dello 0,14% e dello 0,17%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 6.591,51 punti in calo dello 0,18%.

Dati Macro ed Eventi Usa: sarà reso noto il dato relativo all'inflazione di settembre che dovrebbe salire dello 0,4% in linea con la rilevazione precedente, mentre la versione "core" è è vista in salita dello 0,2%, anche in questo caso in linea con la lettura di agosto.
Per le vendite al dettaglio di settembre si prevede un rialzo dello 0,4% dopo il calo dello 0,2% precedente, mentre al netto della componente auto le stime anticipano una variazione positiva dello 0,3% contro lo 0,2% di agosto.

Le scorte alle imprese di agosto dovrebbero salire dello 0,4% dallo 0,2% di luglio, mentre il dato preliminare della fiducia Michigan di ottobre dovrebbe attestarsi a 95,8 punti, dai 95,1 punti della versione definitiva di settembre.
Da segnalare un discorso di Eric Rosengren, presidente della Fed di Boston, oltre al quale parlerà anche Charles Evans, a capo della Fed di Chicago, Robert Kaplan, presidente della Fed di Dallas e Jerome Powell, membro del Board guidato dalla Yellen.

Risultati trimestrali Usa: da seguire Bank of America e Wells Fargo che alzeranno il velo sui numeri del terzo trimestre, per i quali si prevede un eps pari rispettivamente a 0,46 e a 1,03 dollari.