Borsa italiana in ribasso: Ftse Mib -0,84%. Si confermano deboli i bancari, Tod's balza con acquisti Bonomi.

*Il Ftse Mib segna -0,84%, il Ftse Italia All-Share -0,73%, il Ftse Italia Mid Cap +0,12%, il Ftse Italia Star -0,13%.

Mercati azionari europei deboli.* DAX -0,4%, CAC 40 -0,5%, FTSE 100 -0,2% IBEX 35 -0,6%.

Future sugli indici azionari americani in ribasso dello 0,1-0,2 per cento. Le chiusure dei principali indici della seduta precedente a Wall Street: S&P 500 invariato, Nasdaq Composite +0,36%, Dow Jones Industrial -0,16%.

Mercato azionario giapponese in leggero rialzo, il Nikkei 225 chiude a +0,33%. Borse cinesi incerte: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen termina a -0,71%, l'Hang Seng di Hong Kong a +0,84%.

Euro in calo contro dollaro dal massimo di ieri a 1,0627. EUR/USD al momento viene scambiato a 1,0560 circa.

Mercati obbligazionari eurozona in lieve flessione. Il rendimento del Bund decennale è stabile allo 0,28%, quello del BTP sale di 3 bp all'1,94% (+2 bp per il Bono spagnolo all'1,48%). Lo spread è in rialzo di 3 bp a 166 bp.

Insistono le vendite sui titoli bancari italiani nonostante le dichiarazioni del ministro dell'economia: Padoan ha detto a Repubblica che il sistema creditizio tricolore non è in crisi. L'indice Ftse Italia Banche segna -1,8%, l'EURO STOXX Banks -0,8%.

*Sotto pressione Mediobanca (-1,8%), Banco BPM (-2,1%) e UniCredit (-2,5%): il Messaggero scrive che il prezzo delle nuove azioni che verranno offerte nell'aumento di capitale da 13 miliardi di euro sarà a sconto del 30-40 per cento.

In rosso anche UBI Banca (-1,6%). *Secondo Repubblica si terranno oggi consiglio di gestione e consiglio di sorveglianza per formalizzare l'offerta per le tre good bank (Nuova Banca Etruria, Nuova Banca Marche e Nuova CariChieti): nessun'altra manifestazione di interesse è infatti pervenuta al Fondo di Risoluzione. Secondo le indiscrezioni UBI pagherà un simbolico euro per le tre banche e procederà poi con un aumento di capitale stimato intorno ai 400 milioni di euro.