La reazione che CIR (-1,03%) ha intrapreso a marzo si è scontrata a 1,198 con la trendline he scende dai massimi di maggio. I prezzi restano tuttavia invista della media mobile a 50 giorni, supporto a 1,14 circa, la cui tenuta potrà offrire una base da cui tentare la rottura della trend line citata. Conferme in tal senso aprirebbero spazi di crescita verso 1,24 e più in alto verso target a 1,32 e 1,40. Pericolose invece discese sotto area 1,11.

(CC - www.ftaonline.com)