Piazza Affari scivola sotto il riferimento al giro di boa. L'indice Ftse Mib perde lo 0,70%, il Ftse Italia All Share lo 0,72% e il Ftse Italia Star l'1,16%.

*Flash sui titoli in evidenza nella seduta dell'11 aprile:

ERG
*
ERG in forte ribasso. Dal massimo pluriennale toccato martedì a 20,34, il titolo ha invertito bruscamente la rotta lasciando aperto un ampio gap ribassista che dovrà essere rapidamente colmato a 19,78 per scongiurare ulteriori ripiegamenti verso 17,66, media mobile a 50 giorni. Sotto 18,57 rischio invece di discesa verso le ex resistenze in area 17. Oltre 20,34 possibile prolungamento del rialzo verso i record del 2006 a 23,20 circa.
-Target: 23,20 euro
-Negazione: 18,57 euro
-RSI (14): neutrale
*
Fincantieri*

Fincantieri in progressiva ripresa dopo la brusca discesa vista a fine marzo. Il titolo dovrà confermarsi oltre area 1,20 per dimostrare di possedere energie sufficienti per risalire la china verso 1,29 e 1,33 euro. Target successivo a 1,46 circa, linea che unisce i top di gennaio a quelli di marzo. Discese sotto 1,10 cancellerebbero i recenti sforzi di recupero prospettando un affondo verso 1,03 e 1 euro.
-Target: 1,33 euro
-Negazione: 1,10 euro
-RSI (14): neutrale
*
Saipem*

Saipem rimbalza dopo il test dei minimi di inizio marzo a 3,08 e tenta la rottura della linea che scende dai massimi di gennaio, a 3,20 circa. Segnali di miglioramento giungerebbero però solo oltre 3,25 per 3,40, poi resistenza a 3,57, media a 100 giorni. Sotto 3,08 supporto successivo a 2,80 euro.
-Target: 3,57 euro
-Negazione: 3,08 euro
-RSI (14): neutrale

*Salvatore Ferragamo
*
Ferragamo si riaffaccia su un primo ostacolo a 22,80 circa. Oltre questo livello sarà decisivo il confronto con la resistenza tenace a 23,50/23,60 euro. Sopra quei livelli si aprirebbero ampi spazi di crescita verso target a 26,50 circa. Discese sotto 21,30 creerebbero invece le premesse per un test di area 20,50, ultimo appiglio in grado di scongiurare un affondo sui minimi di luglio 2016 a 17,50 circa.