Piazza Affari il lieve calo: Ftse Mib -0,14%.

*Il Ftse Mib segna -0,14%, il Ftse Italia All-Share -0,08%, il Ftse Italia Mid Cap +0,21%, il Ftse Italia Star +0,57%.

Mercati azionari europei in leggero calo:* DAX +0,2%, FTSE 100 -0,2%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -0,6%. Il complesso quadro politico uscito dalle elezioni tedesche di ieri paradossalmente penalizza più le altre borse rispetto a quella di Francoforte.

Wall Street debole in avvio: S&P 500 -0,10%, Nasdaq Composite -0,41%, Dow Jones Industrial -0,03%.

*Settore bancario sotto la parità. *L'indice Ftse Italia Banche segna -0,5%. Deboli Bper Banca (-1,8%), Banco BPM (-1,1%), UniCredit (-0,9%): il vicepresidente Vincenzo Calandra Buonaura a margine di un convegno a Courmayeur ha bollato come "bufala" le indiscrezioni raccolte da Reuters la scorsa settimana relative all'interesse per Commerzbank che la banca guidata da Jean Pierre Mustier avrebbe di recente espresso al governo tedesco.

In rosso tutto il settore finanziario con gli assicurativi Generali (-0,9%), UnipolSai (-0,8%), Vittoria Assicurazioni (-1,3%), Cattolica Assicurazioni (-0,9%). Vendite sul risparmio gestito con Azimut Holding (-1,3%), Banca Generali (-1%), Anima Holding (-1,7%).

*Atlantia (-1%) si conferma debole *dopo le indiscrezioni della scorsa settimana sull'ipotesi di lancio di una contro-offerta da parte di ACS su Abertis. In particolare si ipotizzava che ACS possa lanciare l'offerta non direttamente, ma tramite la controllata tedesca Hochtief (ha il 71,72% del capitale). Venerdì ACS ha confermato di avere allo studio questa operazione e che a tal proposito ha incontrato potenziali investitori e banche, ma ha precisato che l'offerta non è ancora stata discussa in cda. Lo scorso maggio Atlantia ha lanciato un'OPAS su Abertis da 16,34 miliardi di euro circa, corrispondenti a 16,50 euro per azione del gruppo spagnolo.