Rainbow comunica di aver presentato in data 11 aprile 2018 la domanda di ammissione a quotazione delle proprie azioni ordinarie sul Mercato Telematico Azionario, se del caso, Segmento STAR organizzato e gestito da Borsa Italiana, nell'ambito del proprio processo di initial public offering (l'"Operazione"). La diffusione delle Azioni ai fini della quotazione delle stesse sul Mercato Telematico Azionario sarà realizzata mediante un collocamento rivolto esclusivamente ad investitori qualificati in Italia e istituzionali all'estero (l'"Offerta").

Nel contesto dell'Operazione, la Società ha altresì predisposto un Documento di Registrazione, una Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari e una Nota di Sintesi che, congiuntamente e a seguito dell'approvazione da parte delle competenti Autorità, costituiranno il Prospetto relativo all'ammissione a quotazione delle Azioni in relazione ai quali è stata richiesta l'approvazione da parte di Consob.

*Informazioni sull'Offerta
*È previsto che l'Offerta consista esclusivamente in un collocamento istituzionale (il "Collocamento Istituzionale") riservato ad investitori qualificati in Italia e ad investitori istituzionali all'estero ai sensi della Regulation S dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato (il "Securities Act"), e negli Stati Uniti d'America, limitatamente ai "Qualified Institutional Buyers" ai sensi della Rule 144A del Securities Act, con esclusione dei Paesi nei quali l'offerta di strumenti finanziari non sia consentita in assenza di autorizzazioni da parte delle competenti Autorità, salvo che nei limiti consentiti dalle leggi e dai regolamenti del Paese interessato.

Le azioni ordinarie oggetto dell'Offerta saranno poste in vendita da Straffin S.r.l. e Viacom Holdings Italia S.r.l. che attualmente detengono, rispettivamente, il 70,38% e 29,62% del capitale sociale della Società. Il numero complessivo di Azioni oggetto dell'Offerta, in aggiunta ad altre condizioni della stessa, sarà determinato in prossimità dell'avvio dell'Offerta, nel cui contesto è inoltre prevista la concessione della cosiddetta opzione Greenshoe.