Brexit

RSS

Brexit è la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea

Brexit è un termine frutto della fusione tra British ed exit, ed individua la procedura di uscita del Regno Unito dall'Unione europea dopo l'esito del referendum del 23 giugno del 2016.

Brexit, il Regno Unito rinuncia alla presidenza di turno del Consiglio dell'Ue

Con il referendum, è stato il 51,89% dei cittadini britannici a votare a favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Di riflesso, il Regno Unito comunica di non voler occupare la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea che gli sarebbe spettata nella seconda metà del 2017.

La procedura dell'articolo 50

Prima di procedere all'attivazione dell'articolo 50, la Corte suprema del Regno Unito, il 24 gennaio del 2017, ha stabilito che il Parlamento deve essere consultato. Dopodiché, il 29 marzo del 2017, la procedura dell'articolo 50 ha ufficialmente inizio dopo che, da parte dell'ambasciatore del Regno Unito presso l'Ue, viene consegnata la lettera del primo ministro Theresa May al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Brexit, la Risoluzione del Parlamento europeo sull'uscita del Regno Unito dall'Ue

In merito all'uscita del Regno Unito dall'Ue il Parlamento europeo, in data 5 aprile del 2017, ha approvato una Risoluzione che delimita quelli che sono i paletti del negoziato tra le parti. In particolare il testo della risoluzione, che è stato approvato a larghissima maggioranza, mira a garantire che la Brexit venga portata a termine nell'interesse congiunto dell'Ue e del Regno Unito attraverso una procedura di uscita che sia non solo ordinata, ma anche condotta in buona fede.

Sono stati ben 516 i voti a favore del Parlamento europeo, nell'approvare la Risoluzione che fissa i paletti per i negoziati tra il Regno Unito e l'Ue, rispetto a 133 voti contrari e 50 astenuti. Oltre alla tutela dei diritti dei cittadini europei, tra gli altri paletti fissati dalla Risoluzione c'è il rispetto degli impegni finanziari che il Regno Unito ha preso nei confronti dell'Unione Europea, e la tutela dell'accordo di pace in Nord Irlanda.

Per maggiori informazioni: BREXIT


Brexit: 5 ipotesi su come finirà il divorzio Londra-UE

A un anno esatto dal voto del 23 giugno, gli analisti di Société Générale fanno il punto sui possibili esiti del negoziato tra Londra e Bruxelles.

Brexit: 5 ipotesi su come finirà il divorzio Londra-UE







Elezioni anticipate più lontane. E il Ftse Mib sale

In attesa dei vari sviluppi, a Piazza Affari si è diffuso nell’ultima parte della mattinata, un trend ottimista che ha portato l’indice italiano a segnare verso le 13, +1,33% superando la soglia dei 21mila punti e toccando quota 21.015.

Elezioni anticipate più lontane. E il Ftse Mib sale

BofA: pronti a vendere il rally della sterlina se vince May

Se Theresa May vince le elezioni di oggi e rafforza la sua maggioranza parlamentare, per la sterlina dovrebbe un rally. Ma si tratterebbe di una fiammata breve.

BofA: pronti a vendere il rally della sterlina se vince May

Londra al voto: le attese dei mercati

Mercati cauti, se non addirittura calmi, nonostante gli appuntamenti decisivi che scandiranno le prossime ore.

Londra al voto: le attese dei mercati

Si moltiplicano allarmi sull'Italia: anche Socgen non si fida

Non è solo Soros a lanciare l'allarme sull'Italia, anche Societe Generale non si fida molto del nostro paese.

Si moltiplicano allarmi sull'Italia: anche Socgen non si fida

Soros: danni immensi da Brexit, ma la minaccia vera è l'Italia

Brexit e riforma dell'UE. Il punto di vista del miliardario Soros sulla crisi del progetto di integrazione europea e sulle possibili vie d'uscita.

Soros: danni immensi da Brexit, ma la minaccia vera è l'Italia

Ryanair: rischio di cancellazioni a valanga con la Brexit

Il colosso dei voli low-cost avverte: senza un accordo abreve, a marzo del 2019 l'isola potrebbe per un periodo perdere i suoi collegamenti con l'UE.

Ryanair: rischio di cancellazioni a valanga con la Brexit

Colpo di scena: Londra potrebbe dire addio ai colloqui?

La Brexit non è un percorso semplice, su questo in pochi hanno dei dubbi, ma oltre agli ostacoli già noti, adesso, si stanno aggiungendo anche altri fattori destabilizzanti.

Colpo di scena: Londra potrebbe dire addio ai colloqui?

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

La scorsa settimana ha visto un saldo positivo sia nell’ultima seduta, che per Piazza Affari si è chiusa con il segno più, sia per l’intero saldo settimanale, in vantaggio dello 0,43% rispetto all’ottava precedente.

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore
apk