Inflazione

RSS

Inflazione, aumento generalizzato dei prezzi

L'inflazione è uno stato dell'economia reale, che vede l'aumento generalizzato del livello dei prezzi in un dato periodo di tempo. Questo, genera, a parità di condizioni, una diminuzione del potere d'acquisto della moneta nazionale. Se si eleva infatti il prezzo dei beni in commercio, ogni unità di moneta potrà acquistare un quantitativo inferiore di assets e i compratori vedranno "eroso" il proprio potere contrattuale.

Storia ed effetto dell'inflazione

Il termine inflazione deriva dal verbo latino "inflatio" ovvero "gonfiato" e, in economia, si riferisce al maggiore livello medio dei prezzi.
Per quanto la storia presenti casi di inflazione risalenti addirittura ai tempi dell'antico regno egizio e sumero, le economie di ogni tempo non sono mai state in grado di gestire tale fattore a piacimento o di avere per le mani strumenti assolutamente validi a modificarne l'ammontare.

L'effetto che l'inflazione ha sul mercato reale è stata a lungo studiata. Come dimostrato dagli studi condotti a seguito della prima Guerra Mondiale, la spirale inflazionistica era divenuta così rilevante che non appena la gente era in possesso di nuovo denaro, provvedeva immediatamente ad acquistare i beni di cui necessitava, onde evitare che l'incremento dell'inflazione portasse ad un ulteriore diminuzione del proprio potere d'acquisto. In tal modo il ciclo degli acquisti cresceva a mano a mano con l'inflazione.

Dal canto opposto, un caso di diminuzione dell'inflazione (fino al raggiungimento di una situazione deflattiva) porta ad un abbassamento generalizzato dei prezzi che, a dispetto da quanto si possa pensare, non agevola l'acquisto: la diminuzione dei costi d'acquisto fa nascere la convinzione che un ulteriore sconto di prezzo sia alle porte, dilungando i termini della compravendita.

3 tipi di inflazione

Nello studio macroeconomico, tra le principali cause alla base dell'inflazione vi sono:

-livello della domanda, il cui eccesso o la cui crescita sostanziale porta, a parità d'offerta, ad un aumento dei prezzi (Teoria keynesiana)
-livello dei costi, in cui un incremento dei costi di produzione conduce naturalmente ad un incremento del costo del prodotto finito (Teoria di Phillips).
-livello della moneta, che, portato ad una soglia di espansione esagerata (e dunque ad una diminuzione del valore intrinseco della moneta) determina un incremento apparente del danaro in portafoglio, creando incentivo all'acquisto. Questo accresce la domanda, che a sua volta accresce l'inflazione.
A tal proposito, secondo la scuola austriaca, inflazione significa proprio aumento della base monetaria, da cui poi consegue direttamente un incremento dei prezzi.
La crescita della base monetaria, inoltre, può essere a sua volta determinata da una ricerca di svalutazione della divisa nazionale (volta a rendere più competitiva a livello di import l'economia locale); questo può generare a sua volta un maggiore livello dell'inflazione interna.

Pro e contro dell'inflazione

Sul mercato finanziario, l'incremento dell'inflazione comporta un maggiore interesse nei confronti dell'acquisto di beni rifugio, in grado di preservare nel tempo il proprio valore intrinseco.

Tra gli effetti negativi peggiori vi è invece quello legato al rapporto tra costo del lavoro ed inflazione: un incremento della produzione e dell'occupazione porta necessariamente ad una necessità di contenimento del costo del lavoro, che finirebbe altrimenti per annullare l'effetto positivo dato dallo sviluppo del business. Il perseguimento di una politica volta all'aumento dell'occupazione assieme con la bassa inflazione non è concepibile nella natura economica e le politiche monetarie dovranno dunque esser spinte a ricercare strade alternative per far sì che i maggiori costi non vanifichino l'incremento della produzione.

Per maggiori informazioni: INFLAZIONE


Goldman Sachs: per il 2018 Pil mondiale al 4%. Alert sull'Italia

Al giro di boa della mattinata Piazza Affari recita la parte della pecora nera sui mercati europei, a loro volta, però, in vantaggio solo decimale.

Goldman Sachs: per il 2018 Pil mondiale al 4%. Alert sull'Italia







Bce: acquisti a 30 miliardi da gennaio. Euro in calo

Attualmente il QE della BCE si aggira sui 60 miliardi di acquisti mensili. Ma da gennaio le cose cambieranno.

Bce: acquisti a 30 miliardi da gennaio. Euro in calo

Natixis: preparatevi a un rallentamento dell’economia Usa

Queste parole arrivano come una specie di freno all'ottimismo dilagante che ha contagiato Wall Street dove si spera in un PIL che per il terzo trimestre arrivi al 2,5%

Natixis: preparatevi a un rallentamento dell’economia Usa

Mercati di nuovo nervosi. Prossimo step: la Bce. Le previsioni

Ieri si è registrato il ritorno dell'avversione al rischio sui mercati europei mentre anche quelli statunitensi hanno pensato di calmare la propria euforia.

Mercati di nuovo nervosi. Prossimo step: la Bce. Le previsioni

Anche il cambio EUR/USD risente della crisi catalana

Tensione Barcellona-Madrid che si abbatte anche sul cambio Euro Dollaro che viaggia al di sotto del livello 1,18 già in prima mattinata arrivando a testare 1,1797, per poi virare a 1,1822, il livello più alto delle ultime tre giornate.

Anche il cambio EUR/USD risente della crisi catalana

Partita la corsa per la Fed: i nomi in lista

Tempo di scelte per Donald Trump: presto dovrà decidere chi piazzare sul gradino più alto della Banca Centrale Usa. E non solo: ad essere vacanti sono anche 4 posti su 7 tra i membri votanti del board, senza contare la vicepresidenza.

Partita la corsa per la Fed: i nomi in lista

Deutsche Bank: Italia pericolosa mina vagante

Due i punti deboli dei mercati internazionali: Cina e Italia. Con la differenza che la prima è una tra le prime potenze economiche al mondo, la seconda, considerata ancora la terza economia dell'area euro, trova ancora difficoltà a rimettersi in piedi dopo la crisi del 2008.

Deutsche Bank: Italia pericolosa mina vagante

Ftse Mib: è un periodo molto positivo. I titoli da monitorare

L'indice italiano ha rotto il muro dei 22mila punti con una forza che ha regalato fiducia agli operatori ma anche timori per l'avvicinarsi di alcune resistenze. Quali prospettive per il futuro? L'analisi e le previsioni di Stefano Masa Head of QuantInvest® Research & Analysis Department.

Ftse Mib: è un periodo molto positivo. I titoli da monitorare

Diario di un trader: spunti e strategie per le prossime 24 ore

Ancora chiusure in ordine sparso, ieri, per i mercati europei.

Diario di un trader: spunti e strategie per le prossime 24 ore
apk