Tapering

RSS

Tapering, la riduzione degli stimoli monetari

Con il termine tapering si indica la progressiva riduzione degli stimoli monetari concessi da una banca centrale all’economia (o al sistema bancario) del proprio Stato, che rientra progressivamente all’interno di un sistema economico indipendente.

La celebrità del tapering

L’inizio della fama parola tapering è da ricercarsi nel maggio del 2013, quando la banca centrale statunitense ha previsto un piano di riduzione degli stimoli monetari legati al Quantitative Easing (che immetteva 85 miliardi di dollari ogni mense, 40 tramite titoli garantiti da ipoteca, 45 tramite riacquisto di Treasuries).
L’allora Presidente della FED, Ben Bernanke, ha annunciato in una audizione al Congresso degli Stati Uniti che un progressivo miglioramento dell’economia a stelle e strisce (con target di disoccupazione al di sotto del 6,5%) avrebbe portato ad un taglio del l’ammontare di titoli di Stato acquistati pari a10 miliardi di dollari, proseguendo via via così fino ad esaurimento.

Dal dicembre 2013 il tapering ha effettivamente iniziato la propria attività, operando una prima diminuzione a dicembre 2013 e portandosi a 65 miliardi mensili nel gennaio 2014. Si prevede che le operazioni di tapering si concluderanno entro il dicembre 2014.

Tapering, gli effetti contrari

Il tapering è stato definito come un processo fisiologico obbligatorio, necessario a porre fine ad interventi di politica monetaria molto espansivi, volti ad evitare il rischio di rigonfiamenti del mercato e di bolle finanziarie.

Il sopraggiungere del tapering, ovvero l’avvicinarsi di un termine nelle politiche di allentamento monetario, costituisce un problema per i mercati finanziari, abituati a quantitativi di liquidità via via crescenti e beneficianti di un clima di fiducia che spinge gli investitori a scommettere anche su categorie di investimento più volatili.
Tra le maggiori aree di impatto di una politica di tapering vi è quello sul settore valutario del Forex.

Per maggiori informazioni: TAPERING












Una gallina dalle uova (ancora) d'oro

Una gallina dalle uova (ancora) d'oro

Per quale motivo l'oro costa così poco, proprio quando l'incertezza generale giustificherebbe l'esatto contrario? A risponderci è Carlo Alberto De Casa analista dei mercati valutari nonchè responsabile marketing di ActivTrades.

Come guadagnare con i tassi (quasi) a zero? Si può fare...

Come guadagnare con i tassi (quasi) a zero? Si può fare...

L’equazione è semplice: visto che le azioni non danno certezza (negli Usa paradossalmente per troppi record positivi) solitamente la dinamica prevede l’entrata in scena del bond. Peccato che anche da questi si sia ottenuto il massimo possibile e che le decisioni prese dalla Bce ultimamente condannano i rendimenti, se non a zero, comunque a una cifra risibile. Ma con un po' di impegno qualcosa ancora si trova. Se ci si accontenta.

Tra Yellen e T-Ltro, euro e dollaro guardano alla Scozia

Tra Yellen e T-Ltro, euro e dollaro guardano alla Scozia

Non è stata una scelta quella che ha portato a far cadere FED, BCE e Scozia all’interno della stessa settimana, nei due giorni centrali di un periodo di metà settembre che, a causa dell’incidenza delle decisioni sul mercato, porterà forte volatilità sui tutti i mercati, specie sul Forex.

Come guadagnare sfruttando euro e superdollaro

Come guadagnare sfruttando euro e superdollaro

In una settimana densa di eventi, in molti evitano di esporsi troppo sul mercato, in attesa dell'evolversi della situazione. Intanto l'attenzione si sposta tutta sulle valute, le prime a risentire dell'andamento. Come poter sfruttare a situazione? Ci consiglia Stefano Gianti Senior Business Development Executive di Swissquote.

QE, ABS, Bce…ma nel frattempo? La mappa per muoversi al meglio

QE, ABS, Bce…ma nel frattempo? La mappa per muoversi al meglio

Aspettando il QE (che a differenza di Godot, potrebbe anche arrivare), già si parla dei suoi limiti. Il primo, tra tutti, è quello temporale. Si, perchè ammesso e non concesso che le manovre disegnate riusciranno nel loro intento, il primo di questi limiti è senza dubbio il tempo.

Europa e mercati stanno cadendo in una trappola

Europa e mercati stanno cadendo in una trappola

Conferme di negatività continue su Italia e Europa, ma il mercato è partito in alto. Come ogni buona trappola che si rispetti, anche in questo caso il pericolo non solo è stato ben nascosto, ma, anzi, è stato reso ancora più appetibile.

PIL al 4%: il dollaro vola, Yellen sorride, il debito tace

PIL al 4%: il dollaro vola, Yellen sorride, il debito tace

La colomba sorride in privato, si muove senza far rumore, consapevole che la forza del debito creato abbia rafforzato, almeno per ora, economia e moneta.

apk