Bank of Japan

RSS

Bank of Japan, meglio detta BOJ, la banca centrale nipponica

La Bank of Japan, altrimenti conosciuta sotto l’acronimo di BOJ, è la banca centrale giapponese, nata a seguito del Rinnovamento Meiji (come la maggior parte delle istituzioni ufficiali giapponesi).

La storia della banca giapponese

Prima del rinnovamento nazionale, ogni feudo medioevale emetteva la propria moneta, in una serie di tagli incompatibili l'uno con l'altro. L’impossibilità di commercio tra differenti territori rese necessario l’utilizzo di un conio comune: con il nuovo atto di Meiji 4 del 1871, tutte le singole divise locali vennero abolite, istituendo come moneta ufficiale comune l’attuale yen.

Con la trasformazione delle vecchie zecche in banche private a noleggio (inizialmente con l’ancora diritto di stampar moneta), inizia una fase di profondo cambiamento per il Giappone, che col Meiji 15 del 1882 rende la Banca centrale giapponese in linea a quella del modello belga. Tra i vari compiti, alla Bank of Japan venne affidato il monopolio esclusivo del controllo sull’offerta di moneta, sebbene prima del ritiro completo delle precedenti divise in circolazione serviranno altri vent’anni.

La prima banconota emessa dalla BOJ arriva sui mercati nel lontano 1885 (a seguito dell’applicazione del Regolamento sulle banconote convertibili del 1884), facendo sorgere i primi problemi non tanto sul fronte finanziario, quanto su quello quotidiano: la strategia anticontraffazione tramite utilizzo di polvere Konnyaku si rivela infatti particolarmente gradita al palato dei topi, costringendo il Governo centrale a cambiare materiale utilizzato.

Nel 1897 anche il Giappone entra nella cerchia del gold-standard, arrivando solo nel 1899 alla totale eliminazione delle vecchie divise locali circolanti.

L’evoluzione della Bank of Japan

Fatta eccezione per gli anni successivi alla seconda Guerra Mondiale (caratterizzati dalla perdita disastrosa sul fronte umano ed economico nipponica e dall’emissione di moneta militare da parte delle forzi occupanti), la Bank of Japan ha proceduto in modo continuativo col suo operato.

Nel 1970, con la ripresa dell’assetto economico finanziario giapponese, la BOJ amplia il proprio modello organizzativo, virando verso una politica economica più aperta e l’applicazione di un tasso di interesse variabile.

Solo nel 1997 la Bank of Japan diviene la realtà indipendente che è attualmente, grazie all’atto riformatore (日本銀行法) avanzato dalle Autorità Governative locali; nonostante ciò, tuttavia, l’istituto centrale nipponico è stato ed è tutt’ora contestato per la tendenza a dipendere eccessivamente dalle decisioni del Governo.

Le evoluzioni recenti

Il 9 aprile 2008 il Legislatore ha approvato la scelta di porre a capo della Bank of Japan, in qualità di Governatore, Masaaki Shirakawa, assegnando il posto vacante alla carica dell’istituto centrale nipponico. In tale contesto, Shirakawa dichiarò l’intenzione di mantenere separati l’indipendenza e la trasparenza della banca centrale da quella dello Stato.

Con Shirakawa ha inoltre inizio il periodo dell’Abenomics, linea strategica adottata anche dall’attuale primo ministro giapponese, Shinzo Abe (rieletto alla guida Partito Liberal Democratico nipponico il 26 dicembre 2012, a seguito delle elezioni anticipate).

Principali attività in capo alla BOJ e sede operativa

Secondo lo Statuto ufficiale, i compiti spettanti alla Banca centrale giapponese sono:

stampa ed emissione di nuove banconote
gestione della base monetaria in circolazione
garantire e fornire servizi e stabilità del sistema finanziario
gestire e sorvegliare attività del Tesoro ed operazioni ad esso correlate
svolgere e coordinare attività internazionali
attività di redazione e controllo legata a rilevazione dei dati, analisi economica ed attività di ricerca

La Bank of Japan ha sede a Nihonbashi, Tokyo, sull’antico sito di una vecchia zecca d’oro, il Kinza, il cui nome deriva dal celebre distretto Ginza (dal significato “zecca d’argento”).
La struttura più rappresentativa dell’istituto centrale nipponico è tuttavia identificabile nella succursale di Osaka, in Nakanoshima.

Per maggiori informazioni: BANK OF JAPAN


BofA e il 2018: previsioni tra flash crash e bolle speculative

Stando alle proiezioni da un lato ci sarebbe un mercato azionario sull'orlo del flash crash, mentre quello obbligazionario si troverebbe in piena bolla speculativa.

BofA e il 2018: previsioni tra flash crash e bolle speculative







Il Ftse Mib supera i 20mila punti: ecco di chi è il merito

Alle 13 il Ftse Mib festeggiava con un +1,66% superando la soglia dei 20mila punti ed arrivando a un saldo di 20.103. A dare manforte anche il Dax a +0,84%, il Ftse 100 a +0,93% e il Cac40 a +0,64%.

Il Ftse Mib supera i 20mila punti: ecco di chi è il merito

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Chiunque temesse una correzione in arrivo nel post Trump è stato accontentato, la correzione è arrivata ed ha trovato radice in più di un elemento.

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Dicembre mese di banche centrali: presto difficoltà e incognite

Questo dicembre vede una serie di riunioni particolarmente importanti visto che la settimana prossima, l’8 per la precisione, sarà proprio la Bce di Mario Draghi a inaugurare la carrellata.

Dicembre mese di banche centrali: presto difficoltà e incognite

L'Italia uscirà prima della Grecia dall'Eurozona

Secondo un sondaggio condotto dal gruppo di ricerca Sentix, l'Italia è la nazione che più delle altre ha la possibilità di uscire in futuro dall'eurozona. Intanto a Piazza Affari Corrado Passera dice addio al tentativo di salvare Mps.

L'Italia uscirà prima della Grecia dall'Eurozona

BoJ: inflazione al 2% non prima del 2019. Domani arriva la FED

La BoJ comunica un nuovo spostamento al 2018-2019 della data prevista per riportare al 2% l'inflazione. Fermi i tassi e confermati i numeri del piano di QE

BoJ: inflazione al 2% non prima del 2019. Domani arriva la FED

E se fossero banche centrali e politica a bloccare la ripresa?

Le banche centrali hanno salvato il mondo? Il dibattito è ancora aperto ma una realtà è certa: la ripresa non c'è ancora.

E se fossero banche centrali e politica a bloccare la ripresa?

La BoJ fa l'antigattopardo: non cambiar nulla perché tutto cambi

La Bank of Japan inaugura la fase 3 del piano di stimolo monetario. Restano fermi i tassi negativi e la base monetaria del QE, ma cambia la strategia di riferimento che sposta il target verso la curva dei rendimenti.

La BoJ fa l'antigattopardo: non cambiar nulla perché tutto cambi

Rischi e volatilità in aumento, ma le Borse UE sono interessanti

UBS ritiene che l'azionario globale farà meglio dell'obbligazionario e si guarda in particolare alle Borse europee. Barclays punta in questa direzione, ma non è la sola.

Rischi e volatilità in aumento, ma le Borse UE sono interessanti
apk