BlackBerry

RSS

BlackBerry Limited, azienda canadese elettronica

BlackBerry Limited è una società canadese, attiva nel settore elettronico delle telecomunicazioni, conosciuta a livello mondiale per il dispositivo wireless Blackberry, dal quale l'azienda stessa ha preso il nome.

Le origini ed i pionieri

Le origini della società risalgono al 1984, quando venne costituita in Canada, e precisamente a Waterloo, in Ontario, la società RIM, Research In Motion, per mano di Mike Lazaridis (nato ad Istanbul nel 1961) e dell'imprenditore e filantropo Jim Balsillie. Quest'ultimo, nato in Ontario nel 1961, si è laureato in economia e commercio presso l'Università di Toronto e nel 1989 ha conseguito il master presso la Harvard Business School.

La famiglia Lazaridis, di origini greche, si trasferì in Canada con il figlio Mike, all'epoca cinquenne. Studente modello, Mike ha frequentato il corso di ingegneria elettronica ed informatica presso l'Università di Waterloo. Nel 1984, ad un passo dalla laurea, abbandona gli studi, accettando la proposta di lavoro fattagli da General Motor, con la quale collaborò nello sviluppo di reti informatiche per la gestione ed il controllo della sicurezza.

Lo sviluppo della tecnologia

Nello stesso anno costituì l'azienda Research In Motion, società operante nel settore elettronico, dove realizzò, tra i primi lavori, i codici a barre usati nella tecnologia dei filmati. Nel 1999 si focalizzò sullo sviluppo dei dispositivi wireless, presentando sul mercato lo smarthphone Blackberry.
I primi modelli di Blackberry si limitavano ad essere dei semplici cerca persone, con funzioni integrate di agenda; nell'arco degli anni venne introdotta l'innovativa tecnologia, tramite dispositivo mobile, dell'uso delle email, trasformando il Blackberry in un telefono dotato di wifi, fotocamera, touch screen e GPS.

Il collocamento in Borsa

La società si sviluppò in breve tempo a livello internazionale, diventando leader indiscusso nel ramo della tecnologia mobile, volta principalmente al businessman.

Nel 2006 la società Research in Motion viene quotata alla Borsa di New York; il prezzo iniziale di 26 dollari per azione viene fin da subito travolto da una crescita esponenziale del valore, che nell'arco di un anno porterà BlackBarry a quotare 236 dollari per singolo titolo.

La crisi e i principali competitors

Negli anni a venire, la società entra in crisi: le vendite e i contratti aziendali diminuiscono, principalmente a causa della crescente concorrenza sul mercato e dell'inarrestabile sviluppo di tecnologie innovative di concorrenti nuovi, quali Apple e Google.

Nel gennaio del 2013 i due fondatori storici del gruppo, Jim Balsillie e Mike Lazaridis, annunciano le loro dimissioni e i vertici societari passano in mano ad un unico Manager, il tedesco Thorrsten Heins, presente nell'azienda dal 2007.

BlackBerry Limited ed i principali dati finanziari

L'azienda ha sede principale in Canada, a Waterloo, in Phillip Street, 295. E' presente a livello globale con uffici e filiali sparsi in diverse nazioni e conta circa 12.700 dipendenti.
BlackBarry è quotata alla Borsa Valori di New York, sul mercato Nasdaq con il simbolo BB ed ha chiuso l'esercizio (con ) relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 11,073 miliardi di dollari, in tendenziale diminuzione rispetto ai 18,43 miliardi del 2012; i ricavi dell'esercizio 2011 sono stati pari a 18 miliardi di dollari.

La società ha presentato nel corso del 2013 il nuovo Blackberry Z10, dotato di piattaforma innovativa (mobile computing), che ha registrato 1 milione di vendite nel primo trimestre, al di sopra delle aspettative.

Per maggiori informazioni: BLACKBERRY


Borse troppo tranquille: correzione in arrivo con l'estate?

L'indice Vix continua a mantenersi sui minimi degli ultimi 20 anni, evidenziando una compiacenza dei mercati azionari che potrebbe preludere ad uno storno. I market movers da seguire nel breve.

Borse troppo tranquille: correzione in arrivo con l'estate?







Wall Street torna a riflettere prima del week-end

I primi due dati macro di oggi non hanno avuto particolare impatto sul mercato che mostra un'intonazione debole in attesa di altri aggiornamenti. I titoli da seguire oggi.

Wall Street torna a riflettere prima del week-end

4 azioni in sofferenza da vendere a marzo

Una lista di quattro titoli che rischiano brutte scivolate nel mese appena iniziato.

4 azioni in sofferenza da vendere a marzo

A Wall Street lo shopping continua a dominare la scena

Snella l'agenda macro di oggi, motivo per cui l'attenzione degli investitori viene rivolta alle ultime novità che arrivano dal fronte societario. Diversi i titoli da tenere d'occhio.

A Wall Street lo shopping continua a dominare la scena

Il Ftse Mib si concede una pausa: nuovi rialzi ancora possibili?

L'indice delle blue chips non è riuscito a mantenersi sopra quota 19.000, senza tuttavia lasciare molto margine di azione ai ribassisti. Le attese per domani.

Il Ftse Mib si concede una pausa: nuovi rialzi ancora possibili?

Ecco perché la Cina è il nuovo protagonista dell'M&A globale

Ecco come e perché l'emergere di una nuova generazione di manager sta trasformando la Cina in un protagonista dell'M&A globale.

Ecco perché la Cina è il nuovo protagonista dell'M&A globale

Wall Street scattante senza paura, Yellen ... no problem!

Nyse, Tempur Sealy International crolla sulle vendite 2016. Male al Nasdaq pure Sonic, mentre BlackBerry 'festeggia' l'addio alla produzione diretta di smartphone. I temi caldi di oggi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street scattante senza paura, Yellen ... no problem!

Wall Street non si lascia sedurre dai dati macro

Gli investitori mantengono un atteggiamento cauto anche dopo l'aggiornamento sugli ordini di beni durevoli. Attesa per un'audizione della Yellen e per i discorsi di altri membri della Fed.

Wall Street non si lascia sedurre dai dati macro

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento
apk