DEERE & CO.

RSS

Deere & Co., società produttrice di macchine agricole

Deere & Company, altrimenti nota con il marchio John Deere, è una tra le principali realtà nella produzione di macchine agricole, assieme a società quali CNH e AGCO.

Le origini e la storia societaria

L’azienda nasce nel 1837, a Grand Detour, quando il suo fondatore, John Deere (nato il 7 febbraio 1804 nel Vermont e deceduto nel maggio del 1886), avvia la produzione del primo aratro autopulente.
Nel 1848 l'azienda sposta la propria sede a East Moline, dove John raffina la produzione dei suoi aratri, arrivando a fabbricarne oltre 1000 all’anno.

Con lo scoppio della Grande Depressione (1873-1895), il costruttore John Deere decide di non esercitare i propri diritti sui trattori di creditori in difficoltà, aumentando la propria celebrità sul territorio.
La produzione standard dell’azienda Deere riprende però a pieno regime dopo la fine della Prima Guerra mondiale, potendo far leva sulla nomea ormai celebre del marchio. I colori verde e giallo dei mezzi di produzione, tuttavia, faticano fino a dopo gli anni ’80 a convincere il mercato degli agricoltori.

Il successo del gruppo e la necessità di espansione portano, nel 1918, ad acquisire la società Waterloo Gasoline Engine Company: da allora, John, inizia a dedicarsi alla costruzione di trattori, a partire dal celebre modello A, cui seguirono i modelli H, AR, B, G, D, BW e, più avanti i modelli M, MT, R ed il cingolato MC; nel 1939 nasce il cingolato BO Lindeman (quest’ultimo realizzato grazie alla società Lindeman di Washington).

Nel 1928 fa ingresso sul mercato il multifunzionale 10-20GP, General Purpose, con motore a scoppio a 2 cilindri a valvole laterali ed impianto di raffreddamento ad acqua (con sollevatore idraulico). Nel 1937, in concomitanza col centenario dell’azienda, la Deere & Co. raggiunge un fatturato pari a 100 milioni di dollari di vendite.

Innovazione e sviluppo negli anni

Un’innovazione per il gruppo arriva nel 1952, quando la Deere & Co. sostituisce i modelli denominati in lettere alfabetiche con numeri arabi in sequenza (40, 50, 60,…), mentre, nel 1956, John Deere Company acquisisce la maggioranza dell’azionariato della Heinrich Lanz di Mannheim (in Germania), specializzata nella costruzione di trattori Bulldog. Questi ultimi, fino al 1958, saranno commercializzati a marchio John Deere-Lanz, sia in America che in Europa, ampliando poi l’esportazione per l’azienda in Africa e nel Medio Oriente.

Nel 1963, Deere & Co. debutta nel settore del giardinaggio e nel 1967 apre ufficialmente la prima filiale italiana sotto la forma giuridica di S.p.A (a Cernusco sul Naviglio, Milano).
Solo negli anni ’90 la società di John Deere raggiunge il massimo dei risultati finanziari e lo sviluppo a livello internazionale (a seguito della importante recessione agricola che ha colpito la società negli anni ’80).

I principali dati finanziari di John Deere

Deere & Company a la sede principale a Moline, nell’Illinois, USA, e conta oltre 52.022 dipendenti, nei differenti stabilimenti di produzione.
La società è quotata alla Borsa Valori di New York, con il simbolo DE.
Il gruppo ha concluso l’esercizio inerente l’anno 2013 con un fatturato pari a 37,795 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 36,157 miliardi del 2012. L’utile societario si è attestato in aumento a 3,53 miliardi nel 2013.

Per maggiori informazioni: DEERE & CO


A Wall Street qualcuno passa alla cassa prima del week-end

Per oggi è atteso un solo dato macro, in agenda mezz'ora dopo l'apertura del mercato. Dollaro in calo contro yen, ma in rialzo sull'euro. Diversi titoli da seguire.

A Wall Street qualcuno passa alla cassa prima del week-end







Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

A Wall Street si intravede un attimo di calma dopo il rally post elezioni. I rating degli analisti.

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

Wall Street non si fa sedurre dai dati macro. Focus sulla Fed

Il mercato attende di conoscere altri aggiornamenti che saranno diffusi a breve prima dell'appuntamento con le minute del FOMC in serata. Da seguire Deere & Co e Eli Lilly.

Wall Street non si fa sedurre dai dati macro. Focus sulla Fed

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari deve fare i conti con una seduta impegnativa ora

Il Ftse Mib dovrà confermare la riconquista di area 16.500 per aprirsi nuovi spazi al rialzo, ma la prossima sarà una giornata ricca di eventi.

Piazza Affari deve fare i conti con una seduta impegnativa ora

Borse UE da riscoprire: il referendum non spaventi troppo

Gli analisti di Jp Morgan guardano con maggiore ottimismo ora all'azionario dell'area euro, ritenendo che il peggiore degli scenari legati al referendum del 4 dicembre sia già scontato dai mercati. I titoli e i temi da seguire nel breve.

Borse UE da riscoprire: il referendum non spaventi troppo

Wall Street rimane affacciata alla finestra

Per oggi non sono previsti dati macro di rilievo dopo la diffusione dell'indice CFNAi che è salito a 0,27 punti a luglio. Diversi i titoli da seguire.

Wall Street rimane affacciata alla finestra

Wall Street non trova spunti per salire. Occhio alle trimestrali

La giornata non sarà scandita da alcun dato macro di rilievo e così l'attenzione si sposta sulle novità che arrivano dal fronte societario. I titoli da tenere d'occhio.

Wall Street non trova spunti per salire. Occhio alle trimestrali

CNH Industrial nelle grazie di Goldman Sachs. Ecco perchè

Il titolo arretra dopo il buon progresso della vigilia, ma arrivano positive indicazioni dagli Stati Uniti e dagli analisti di Goldman Sachs che puntano con convinzione su CNH Industrial per diversi motivi.

CNH Industrial nelle grazie di Goldman Sachs. Ecco perchè
apk