Dollar General

RSS

Dollar General, società di distribuzione

Dollar General Corporation è una società di distribuzione su larga scala, presente in oltre 40 degli Stati USA e stabilitasi in località più piccole, diversamente dal competitor Walmart.

Specie negli ultimi anni, il gruppo ha focalizzato il proprio business sull’apertura di stores in zone non servite da nessun altro grande distributore.
Il nome stesso del gruppo, con “Dollar” nella forma singolare, è un richiamo a quella politica commerciale del “$1: one dollar” tipica dei poli merceologici di svendita. Nella pratica, Dollar General, offre tuttavia prodotti di qualità, con prezzi ben superiori ad 1 dollaro.

Le origini del gruppo

Dollar General viene fondato nel 1938, nel Kentucky, da Cal Turner Sr. e dal padre James Luther Turner (con 5.000 dollari pro capite), assumendo il nome societario J.L. Turner & Son, Inc.; Cal occuperà il ruolo di CEO del gruppo per i successivi 25 anni.

Il padre di James Luther Turner morì nel 1902 in un drammatico incidente, lasciando solo il figlio undicenne. Dovendosi occupare della famiglia, il giovane James inizia con successo l’attività di venditore di merci non deperibili, proseguendo in questa per altri 10 anni. Lasciato il lavoro durante gli anni della Depressione, intraprende un’attività personale (sfruttando profitti da arbitraggio) di acquisto e vendita di società di distribuzione prossime alla bancarotta, assistendo poi il figlio, nel 1938 nell’apertura del proprio polo di vendita. James morirà nel 1964.

La filosofia di Dollar General

I primi stores vengono concepiti sotto l’ottica del “niente può costare più di un dollaro”, idea che da subito riscuote immediato successo, così che, nel 1957, il gruppo apre il 29esimo store, riportando un fatturato da 5 milioni di dollari.
Nel 1968 la società, via via attestatasi sul territorio, modifica la propria denominazione, divenendo Dollar General Corporation.

Nel 2007 Dollar General viene acquistata (a 22 dollari per azione) dalle società di private equity Kohlberg Kravis Roberts (KKR), GS Capital Partners e Citgroup Private Equity, che consolidano i bilanci aziendali, portando la compagnia sul mercato nell’agosto del 2009 (con un’IPO da $750 milioni).

Il recente sviluppo di Dollar General

Nel 2011 Dollar General annuncia l’intenzione di voler espandere il proprio business con l’apertura di altri 625 stores.

Nell’agosto del 2014 la società avanza un’offerta da 9,7 miliardi di dollari per l’acquisizione del gruppo Family Dollar, con un primo rifiuto dell’offerta da parte della società target.

Dal 2000 Dollar General è approdata sul mercato con una nuova catena di negozi, specifici per la maggiore selezione di prodotti offerta: nasce la “Dollar General Market”, diretto antagonista di Walmart Supercenter.

Oltre al principale competitor Walmart, Dollar General si divide il mercato con nomi del settore quali Family Dollar e Dollar Tree.

I principali dati finanziari

Dollar General ha la propria sede nel Tennessee e conta circa 90.000 dipendenti.
La società è quotata sul listino di New York con il simbolo DG ed ha concluso l’esercizio inerente all’anno 2013 con un fatturato di 17,5 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 16 miliardi del 2012. L’utile societario si è attestato a 1,025 miliardi.

Per maggiori informazioni:DOLLAR GENERAL


A Wall Street si muove in rialzo solo l'high-tech

Le buone notizie arrivate dal fronte macro non influiscono più di tanto sull'intonazione del mercato. Diversi i titoli da seguire.

A Wall Street si muove in rialzo solo l'high-tech







Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

Pizzico di ottimismo a Wall Street. I rating degli analisti

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

3 azioni per trovare valore senza troppa fatica

Il gruppo di The Motley Fool ha chiesto questa volta a tre dei suoi contributori di segnalare ai lettori titoli per investitori orientati al valore.

3 azioni per trovare valore senza troppa fatica

Wall Street in positivo dopo i numeri di maggio sul lavoro

Il mercato attende di conoscere altri due aggiornamenti macro e intanto si guarda alle novità arrivate dal fronte societario.

Wall Street in positivo dopo i numeri di maggio sul lavoro

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Mercato non ancora pronto a voltare pagina. I livelli chiave

Il Ftse Mib ha tentato di dare un seguito al recupero di ieri, salvo poi tornare indietro. Cosa aspettarsi domani?

Mercato non ancora pronto a voltare pagina. I livelli chiave

Focus su Banche Centrali e rischio Italia. I driver nel breve

L'attenzione degli investitori è già rivolta ai prossimi meeting della BCE e della Fed e intanto si guarda con interesse anche alla situazione politica in Italia. I market movers delle prossime sedute.

Focus su Banche Centrali e rischio Italia. I driver nel breve

Wall Street chiusa oggi, ma da domani tanti market movers

Sarà una settimana più breve del solito per la piazza azionaria Usa che nelle prossime giornate dovrà confrontarsi però con numerosi dati macro e qualche trimestrale.

Wall Street chiusa oggi, ma da domani tanti market movers
apk