Microsoft Corp.

RSS

Microsoft Corporation, leader informatico americano

Microsoft Corporation, conosciuta semplicemente come Microsoft, è una delle principali società statunitensi, attiva nel settore informatico. La multinazionale è considerata tra i leader mondiali dell'informatica, nelle tecnologie e nei servizi internet.

I principali prodotti

La multinazionale si occupa della produzione e relativa commercializzazione di una vasta gamma di prodotti informatici che spaziano dal sistema operativo Windows, prodotti per lo sviluppo aziendale (come Visual Basic.NET), varie applicazioni per l'ufficio (come Microsoft Office) ai prodotti appartenenti al comparto dei lettori mp3 e dei videogiochi.

Le origini di Microsoft ed i suoi pionieri

Le origini della società ci riportano nel New Mexico del 1975, precisamente ad Albuquerque, quando venne costituita la piccola software house, grazie all'iniziativa di due giovani amici informatici, Bill Gates (Seattle, 1955) e Paul Allen (Seattle, 1953).

La crescita

Nel 1979 i due informatici rientrarono a Washington, dove venne trasferita anche la società ed i pochi dipendenti. Nel 1980 l'azienda informatica conclude un importante accordo di collaborazione con la società IBM, per la quale progetta un sistema operativo, MS-DOS (Microsoft Disk Operating System), riscuotendo un grande successo.

Negli anni seguenti la società, apprezzata e conosciuta nel settore informatico internazionale, si espande sul mercato europeo, aprendo filiali in Germania, Inghilterra e Francia, mentre i suoi prodotti vengono tradotti in oltre 13 lingue.
Nel 1984 la società conta oltre 600 dipendenti e un giro d'affari stimato in 97.490 milioni di dollari.

Nel 1985 la società lancia sul mercato internazionale il sistema operativo Windows 1.0, segnando un altro successo. Negli anni seguenti la società ha continuato ad elaborare nuovi sistemi operativi e programmi applicativi innovativi, confermandosi leader nel settore informatico a livello globale.

Il collocamento in Borsa di Microsoft

Nel 1986 la società, leader nel comparto dei programmi per personal computer, fa il suo debutto sul mercato telematico di New York, quotandosi in Borsa. Le azioni Microsoft furono collocate ad un prezzo iniziale di 21 dollari per azione.

L'espansione

Il colosso statunitense continua a svilupparsi stringendo varie alleanze con società appartenenti al settore delle telecomunicazioni e dell'Information technology. Dall'altro lato continua a crescere, attraverso una serie di acquisizioni mirate (come la software house Forethrough Inc.)

Nel 2000 Microsoft Corporation estende il proprio core business, entrando così nel mercato dell'entertainment. Lo stesso anno viene presentata sul mercato internazionale, una piattaforma di nuova generazione, la console dedicata ai videogiochi, denominata X-box.

Negli ultimi anni, il colosso informatico ha continuato ad aggiornare e rilanciare i suoi prodotti informatici. Inoltre l'azienda ha concluso accordi di partnership con varie aziende internazionali, come ad esempio la collaborazione intrapresa nel 2010 con la società Yahoo. Yahoo usa il sistema Bing di Microsoft come piattaforma di ricerca. Nel settembre 2013 Microsoft Corporation ha acquisito la divisione del settore telefonia di Nokia, pagata circa 5,4 miliardi di euro.

Microsoft Corporation in Italia

Il colosso della tecnologia è presente dal 1985 sul territorio italiano. Gli uffici si trovano a Peschiera Borromeo, Torino e Roma. Microsoft Italia è guidata dal dirigente Carlo Purassanta, il quale è in carica come amministratore delegato, dal febbraio 2013. Il personale italiano è composto da circa 890 dipendenti.

I due fondatori di Microsoft Corporation

Nel 2000 l'informatico e fondatore storico Paul Allen si dimette dall'incarico di vice presidente esecutivo di Microsoft, rimanendo azionista della stessa, con una partecipazione pari al 8% del capitale sociale.

Nel 2008 il manager Steve Ballmer, riceve l'incarico di amministratore delegato di Microsoft Corporation, andando così a sostituire l'incarico svolto fino ad allora da Bill Gates, il quale resta in Microsoft come presidente onorario.

I principali dati economico finanziari

Microsoft Corporation ha la propria sede principale negli Stati Uniti, nello stato di Washington, a Redmond. Il colosso americano è presente a livello globale con uffici e stabilimenti operativi. La forza lavoro è composta da circa 99.000 dipendenti, dislocati nelle varie nazioni.

Microsoft Corporation è quotata alla Borsa valori di New York, sul Nasdaq, con il simbolo MSFT.

L'azienda di Redmond ha chiuso l'esercizio fiscale, relativo all'anno 2012/2013, conclusosi al 30 giugno 2013, con un fatturato pari a 77,85 miliardi di dollari, in crescita rispetto all'anno precedente, conclusosi con ricavi per 73,75 miliardi di dollari.

Nell'estate del 2013 l'amministratore delegato, Steve Ballmer ha annunciato le proprie dimissioni. Al suo posto è subentrato l'ingegnere elettronico Satya Nadella, già da anni in azienda.

Per maggiori informazioni: MICROSOFT CORPORATION


10 azioni "strong buy" che sono meglio del Bitcoin

Una rassegna di titoli su cui tutti i target price forniti dagli analisti di Wall Street indicano un margine di apprezzamento dai prezzi attuali.

10 azioni "strong buy" che sono meglio del Bitcoin







5 titoli per guadagnare col bitcoin senza i rischi del bitcoin

Oltre il 1000% da inizio anno, record su record macinati a velocità sempre più sorprendente. Questo il miracolo del bitcoin.

5 titoli per guadagnare col bitcoin senza i rischi del bitcoin

Wall Street bella tosta, carica a mille brinda ai nuovi occupati

Dow Jones, Microsoft e Boeing in evidenza. Acquisti sul settore retail e trasporto aereo. Nasdaq, Celgene in denaro su upgrade di Atlantic Equities. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street bella tosta, carica a mille brinda ai nuovi occupati

Wall Street al momento della verità, Snap eroe per un giorno

Dow Jones, McDonald's in luce sul 'Buy' di Jefferies. Nyse, Cineworld Group compra Regal Entertainment. Azioni Snap Inc. in rally grazie a Barclays. Nasdaq, denaro sui big della tecnologia. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street al momento della verità, Snap eroe per un giorno

Tecnologici male anche in Asia. Il Nikkei 225 perde lo 0,37%

Dopo il contrastato avvio d'ottava di Wall Street, segnato dalle nette perdite del settore tecnologico (il Nasdaq si è deprezzato dell'1,05% mentre Microsoft con un crollo del 3,77% è stato il peggiore titolo del Dow Jones Industrial Average), il sell-off abbattutosi sul comparto è proseguito in Asia facendo scivolare in secondo piano gli effetti rialzisti dell'approvazione da parte del Senato Usa della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump.

Tecnologici male anche in Asia. Il Nikkei 225 perde lo 0,37%

Wall Street: Disney salva il Dow Jones, buccia banana al Nasdaq

Dow Jones, azioni Walt Disney sugli scudi. Nyse, CVS Health lancia offerta per acquisire Aetna. Bancari in denaro grazie alla riforma fiscale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street: Disney salva il Dow Jones, buccia banana al Nasdaq

Asia frenata dall'It ma il Nikkei 225 guadagna lo 0,57%

In presenza di un'ampia serie di dati macroeconomici la seduta dell'Asia è però condizionata dal sell-off abbattutosi mercoledì a Wall Street sul comparto dei semiconduttori e della tecnologia in generale: tra i peggiori dell'S&P 500 si sono piazzati Micron Technology, Applied Materials e Nvidia (con perdite del 7% -9%), mentre nel Dow Jones Industrial Average i titoli più colpiti (con l'eccezione di Visa) sono stati i colossi Apple, Microsoft e Intel.

Asia frenata dall'It ma il Nikkei 225 guadagna lo 0,57%

Wall Street batte cassa, bancari e tecnologici fanno a pugni

Dow Jones, vendite sui tecnologici. Nasdaq, Autodesk crolla sul piano di ristrutturazione. Lettera sui big del settore Internet. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street batte cassa, bancari e tecnologici fanno a pugni

La riforma fiscale Usa spinge Jp Morgan in cima al Dow Jones

Jp Morgan Chase & Co ha chiuso in progresso del 3,50% martedì, piazzandosi in cima al Dow Jones Industrial Average.

La riforma fiscale Usa spinge Jp Morgan in cima al Dow Jones
apk