FTSE MIB

Il FTSE Mib ha chiuso al rialzo la seduta di ieri dopo aver effettuato per due volte il test dei 22.000 punti. L’indice sembra dunque intenzionato a tentare un rimbalzo. Se analizziamo i corsi in intraday si nota come dopo il top dei 24.000 punti, i prezzi abbiano avviato una veloce correzione lungo la trend line ribassista di breve periodo descritta dai massimi del 1 e 7 febbraio. Movimento che, come abbiamo detto, ha riportato al test dei 22.000 punti. Da segnalare la divergenza su RSI. I due minimi relativi sui prezzi del 6 e 9 febbraio infatti divergono rispetto a quelli mostrati da RSI. Elemento che evidenzia un indebolimento del trend ribassista. A questo punto la rottura della resistenza a 22.500 e della trend discendente darebbe forza all’indice con resistenze a 22.830 e 23.000 punti. Il mancato superamento dei 22.500 punti spingerebbe verso 22.100 e 22.000 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 22.500 punti con target primario a 22.830 e 23.000 punti. Stop a contatto con 22.250 punti.

SCENARIO RIBASSISTA

Posizioni short su debolezza a 22.500 punti, con stop a 22.650 punti. Target a 22.100 e 22.000 punti.

EUROSTOXX 50

L’Eurostoxx 50 tenta il rimbalzo dopo aver chiuso sul supporto statico dei 3.324 punti venerdì scorso. In intraday l’indice mostra che dopo la rottura dei 3.600 punti i prezzi hanno velocemente corso verso i 3.300 punti senza però toccare il livello. L’indice mostra pure divergenza su RSI con minimo del 9 febbraio più alto sull’algoritmo, rispetto a quello del 6 febbraio. Segnale di indebolimento momentaneo del trend ribassista. I prezzi hanno anche rotto, con debolezza, la trend line ribassista di breve periodo. Maggior forza per l’indice si avrebbe sopra 3.400 punti, con resistenze a 3.440 e 3.500 punti. Sotto 3.300 punti forte ripresa delle vendite con supporti a 3.272 e 3.200 punti.