FTSE MIB

Chiude una settimana positiva il Ftse Mib con la rottura dei 23.184 punti e la chiusura del gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Dal minimo del 5 marzo dunque l’indice ha corso tanto sovraperformando la maggior parte degli indici internazionali. La candela di venerdì rappresenta in doji è un segnale di stanchezza e dunque andrà monitorata la seduta di lunedì visto anche il weekend di mezzo e diversi temi caldi ancora aperti. In questo scenario la rottura dei 23.500 punti rappresenta il tassello finale per raggiungere la resistenza a 23.622 e soprattutto i 24.000 punti. Solo l’eventuale ritorno sotto 23.000 punti, darebbe segnali di possibile cambio degli equilibri tra forze rialziste e ribassiste con obiettivo a 22.714 punti e 22.500 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Long su rottura 23.500 punti con stop sotto 23.330. Target 23.622 e 24.000 punti.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 23.000 punti con stop sopra 23.184. Target 22.714 punti e 22.500 punti.

EUROSTOXX 50

L’Eurostoxx 50 ha chiuso la settimana testando l’importante resistenza statica dei 3.470 punti, livello che l’indice non vedeva dalla fine di febbraio di quest’anno. Un segnale certamente positivo per l’indice europeo ma che necessita di conferme questa settimana. Importante infatti la rottura di tale livello che consoliderebbe la fase rialzista cominciata il 27 marzo e che ha portato alla rottura della trend line ribassista di medio periodo. Se ciò dovesse avvenire allora l’indice prenderebbe di mira i 3.500 punti, con importanti conseguenze e resistenze a 3.527 e 3.600 punti. Sotto i 3.400 punti, supporti a 3.378 e 3.350 punti.