Telecom Italia in difficoltà a Piazza Affari, dove scambia non lontano dai minimi annui toccati nelle scorse settimane mentre il saldo degli ultimi 12 mesi è magro, tra i peggiori performer dell’intero Ftse Mib. Il mercato continua a guardare ai prossimi sviluppi sul fronte scorporo della rete. Attese novità al momento della presentazione del prossimo piano industriale il 6 marzo con l’amministratore delegato Amos Genish che ha già presentato il progetto sulla rete nell’incontro tenuto settimana scorsa al Mise. Lo stesso Genish ha però raffreddato le attese chiarendo che per la nuova entità che nascerà dallo spin-off della rete non è prevista una fusione con Open Fiber e neanche un’Ipo. Parole che hanno smorzato l’appeal speculativo. In aggiunta sono arrivate le indiscrezioni su tempi comunque lunghi sullo scorporo della rete. Il Sole 24 ore ha sottolineato infatti come la strada per lo scorporo della rete risulti ancora lunga e non sia destinata a intrecciarsi a breve con quella di Open Fiber, con la quale non risultano contatti.

 

PRODOTTO SOTTOSTANTE CODICE ISIN SCADENZA

CASH COLLECT TELECOM ITALIA NL0012320980 02/11/2020

 

Contenuti pubblicati integralmente sul sito Investimenti Bnp Paribas