Intesa Sanpaolo ha lanciato ieri un'emissione di Obbligazioni Bancarie Garantite (OBG) sull'euromercato per € 1,25 miliardi destinata ai mercati internazionali per ottimizzare la gestione di tesoreria.
Si tratta di una OBG a tasso fisso a 10 anni emessa a valere sul Programma di emissione di € 20 miliardi assistito in massima parte da mutui ipotecari residenziali e commerciali ceduti da Intesa Sanpaolo.
La domanda, pervenuta per l'83% circa da investitori istituzionali esteri, è stata pari a più di € 5 miliardi (oltre 4 volte rispetto al target di € 1,25 miliardi).
L'emissione conferma la forte capacità di funding del Gruppo. Nei primi dieci mesi dell'anno erano già stati collocati sui mercati internazionali cinque eurobond senior per un totale di 6 miliardi di euro e una OBG per 1 miliardo di euro, con una domanda complessiva, per il 75% estera, che aveva superato il target di emissione del 180%. Prima di questa emissione, la raccolta a medio-lungo termine effettuata aveva già superato l'ammontare in scadenza nell'intero anno, con circa 23 miliardi di euro collocati, di cui circa 14 miliardi relativi alla componente retail.
La cedola del 3,625% è pagabile in via posticipata il 5 dicembre di ogni anno.
Il prezzo di riofferta è stato fissato in 99,03%.
Tenuto conto del prezzo di riofferta, il rendimento a scadenza è 3,743% annuo. Lo spread totale per l'investitore è pari al tasso mid swap + 200 punti base, 106 punti base al di sotto del BTP di pari scadenza.
La data di regolamento sarà il 3 dicembre 2012.
I tagli minimi dell'emissione sono di Euro 100 mila e multipli.
Il titolo non è destinato al mercato retail italiano ma ad investitori professionali e ad intermediari finanziari internazionali e verrà quotato presso la Borsa di Lussemburgo oltre che nel consueto mercato "Over-theCounter".