Ieri, giornata limitata dalla chiusura UK, USA per festività, ha visto un cedimento dello YEN, dal rinvio della tassa consumi, che porterebbe pure ad un potenziale taglio rating. E di un rafforzamento del DOLL, su scia commenti YEllen che riconferma il rialzo tassi nei prossimi mesi. Questo ha fatto anche una certa pressione su emergenti, Asia, treasury, bonds, e innescato liquidazioni stop-loss di ORO a min febbr, e ARG. Meglio le borse, con calo yen, rafforzamento Nikkei, e moderato EU titoli, con recupero banche ITL da voci di aumento liquidità del fondo Atlante. Sul fronte dei dati economici abbiamo avuto tutte notizie positive, migliori delle aspettative. Dalle vendite dettaglio moderate in GIAPP, conferma crescita FF e AUSTRIA.

Indicatori leader CH in rialzo grazie a industria, export, e segnali peggioramento costruzioni. SEK crescita, SCOREA PMI manifatturiero in rialzo, EU vari dati prezzi consumo e inflazione Stati in recupero. Rialzo survey consumatori e industriale, clima, fiducia, aspettative inflazione, migliori delle attese, segnali di recupero. Il tutto lascia comunque conferme di calo spese consumatori, calo prezzi produzione. Stabile il petrolio, con domanda e offerta più equilibrata, e da sottolineare la conferma dei debiti del settore, di cui i 15 principali hanno accumulato ulteriori 97miliardi per arrivare ad esposizioni per 383bln doll, con rischi di ulteriori licenziamenti, taglio investimenti. E il FOCUS passa ora sul Beige Book della FED, e in particolare sulla riunione ECB, con rapporto DRAGHI di giovedì, in cerca di ispirazioni, di ulteriori segnali di allentamenti pro-crescita. Ieri nella giornata, abbiamo avuto un recupero di EURO, CAD, AUD, ORO, stabilità petrolio. Attività maggiore su acquisti DOLL/YEN, poi EURO/YEN. Bene SEK post dati crescita.