Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Fabrizio Brasili, analista finanziario, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.
Chi volesse contattare Fabrizio Brasili può scrivere all'indirizzo email: f.bsuperguru@yahoo.it.

Piazza Affari ha continuato a spingersi in avanti nelle ultime sedute, con il Ftse Mib approdato su nuovi massimi dell’anno. Quanto ritiene probabile ora il superamento di area 22.000 e quali scenari si profilerebbero in tal caso?

In effetti il livello di area 22.000 di Ftse Mib può essere considerato qualcosa di più che psicologico, ma sempre tale rimane. Le vere resistenze di medio periodo sono sempre a 21800/900 di future Dicembre e Settembre rispettivamente e i corsi dovranno stazionare possibilmente sopra queste barriere per 3/4 sedute, per essere superate di slancio ed eventualmente pervenire in area 22400/500.
Noi prevediamo a breve medio termine una fase di congestione e laterale in range strettissimo 21500/600-21800/900.

Bper Banca ha dato vita ad un bel rally dopo la semestrale, mentre Mediobanca non è rimasto al palo dopo i conti dell’esercizio 2016-2017. Quali indicazioni operative ci può fornire per questi due titoli?

Entrambi i titoli, che peraltro non si collocano fra i nostri preferiti del settore (in sottosettori e per motivazioni diverse indichiamo infatti Unicredit, Intesa Sanpaolo nella versione risparmio e Creval), sono  a nostro avviso se non sopravvalutati, almeno un poco tirati.

Consigliamo quindi di fare molto attenzione sui prezzi attuali, di intervenire in acquisto per lo meno in sedute calme o negative e chiudere istantaneamente con vendita di opzioni call strike 5/6 settembre dicembre per Bper Banca e call strike 9/ 10 settembre dicembre per Mediobanca.