Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse. Pietro Paciello è autore del libro appena pubblicato TRADING PLAN. Per info clicca qui.

Dopo il recupero della scorsa settimana il dollaro è tornato a perdere terreno tanto nei confronti dell'euro che dello yen. Cosa si aspetta nel breve per questi due cross?

La giornata di ieri ha visto un dollaro-yen scendere sotto il supporto dinamico di lungo che avevamo indicato in precedenti rilevazioni in area 108/107,8. Questo è uno degli elementi potenzialmente dirompenti che aspettavamo dal mercato: o un euro sopra la grande resistenza a 1,26/1,265 euro, alla quale però non è ancora arrivato, o un dollaro-yen sotto quota 108.

Quest'ultimo è un supporto fondamentale perchè come si nota dal grafico di lungo fornito in allegato, sotto area 108 si aprirà una strada al ribasso ancora più copiosa. La correlazione tra dollaro e mercati azionari è forte e lo è ancora di più quella tra dollaro-yen e Nikkei e quando la valuta nipponica si apprezza il listino azionario giapponese soffre tantissimo perchè si riduce il potere delle esportazioni da parte di quest'area geografica.

A mio avviso quello attuale è veramente un momento critico per i mercati e delle tre variabili che osservavamo, dollaro-yen, euro-dollaro e oro, è il dollaro-yen che ci offre la prima chiave di lettura importante.
Presterei molta attenzione alla chiusura settimana del dollaro-yen che al momento è in forte ipervenduto di breve, ma se non sarà tenuto il minimo precedente a 107,11/107,12, la prossima area statica di atterraggio è addirittura in zona 101/101,5.