Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, Head of Business Development and Chief Analyst presso Tier1FX, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse. Pietro Paciello è autore del libro appena pubblicato TRADING PLAN. Per info clicca qui

Nelle ultime sedute il dollaro ha perso terreno nei confronti dello yen e dell'euro, malgrado le positive indicazioni dal fronte macro Usa. Come valuta questa reazione e cosa si aspetta nel breve?

I mercati sono davvero difficili da interpretare in questo momento e credo che ciò sia una cosa abbastanza palese. Se però pensiamo che il mercato rimanga sempre dollarocentrico, e per me non c'è motivo per dubitarne, vedo che il dollaro-yen si mantiene ancora su un'area di supporto dinamica interessante. Continuo a pensare che possiamo parlare di una debolezza diffusa e generalizzata del biglietto verde solo se dovessimo vedere una rottura al ribasso di area 111,5.

Fino a quando il dollaro-yen si manterrà al di sopra di tale soglia, e considerando la divergenza rialzista che c'è sul grafico giornaliero, non vedo motivi per parlare di dollaro debole.
Cambierò idea in maniera decisa sull'azionario e più in generale sul rischio solo se dovessi vedere il dollaro-yen sotto area 111,5. Fino a quando rimarrà al di sopra di tale soglia credo che siamo in una fase di trading range, ma problemi per il rischio ancora non ne riesco a leggere.

Non c'è motivo per dire che il mercato sta entrando in una fase risk-off, per cui il dollaro-yen sulla debolezza fino a 112,6/112,8 va comprato perchè potrebbe ancora allungare verso area 117,5.
Questa view favorevole sul dollaro-yen e quindi sul rischio si inverte completamente solo in caso di violazione di area 111,5.