Analizzando il grafico del FTSE-MIB degli ultimi 16 anni, notiamo che ha disegnato un massimo nel lontano anno 2000, per poi entrare in fase laterale-discendente segnalata dal canale arancione.

Grazie al calo del petrolio le probabilità di assistere a una nuova ondata rialzista del mercato italiano sono altissime.

Notiamo inoltre un cross rialzista delle medie mobili sul time frame mensile equivalente ad un forte segnale di acquisto di medio-lungo periodo.

Sono oramai 14 anni che chi ha investito in borsa sta perdendo soldi o soffrendo. Chi ha comprato titoli poco solidi ha visto scomparire i propri investimenti, mentre chi ha comprato qualità, è riuscito tutto sommato a rimanere a galla, ma avrebbe guadagnato in media di più comprando obbligazioni statali.

Attualmente si riscontra una forte volatilità sull'indice italiano, ma tutto lascia supporre di essere in una fase di correzione per la preparazione di nuovi importanti rialzi.

Una scommessa sull'indice italiano con i CFD potrebbe essere una scelta vincente.

Attenzione, nulla vieta di assistere ad un ulteriore affondo dell'indice, anche se ritengo che si tratterà solo di volatilità.

Se analizziamo l'indice FTSE-MIB, notiamo che molti titoli stanno gia disegnando nuovi massimi. L'attuale correzione dell'indice è essenzialmente dovuta alla correzione dei bancari e dei titoli energetici.

Riuscire a selezionare i titoli giusti (ovvero che batteranno l'indice FTSE-MIB) o il timing di ingresso sull'indice non è semplice ed è necessaria molta esperienza, disciplina e studio dei mercati finanziari.

Per questioni di logistica non riattiveremo il servizio titoli FTSE-MIB, ma non mancheranno interessanti analisi gratuite su queste pagine.