Borsa italiana in rialzo: FTSE Mib +0,32%. Tod's e Mediaset in evidenza, negativi i bancari.

Mercati azionari europei in ordine sparso. Wall Street si indebolisce con l'inizio dell'intervento del presidente eletto Trump. A ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,2%, Nasdaq Composite -0,3%. A Milano il FTSE Mib ha terminato a +0,32%, il FTSE Italia All-Share a +0,39%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,86%, il FTSE Italia Star a +0,49%.

Euro in flessione contro dollaro, tenta recupero con avvio intervento Trump. EUR/USD alla chiusura dei mercati europei segna 1,0510 circa, dopo aver toccato un minimo a 1,0454.

Mercati obbligazionari eurozona positivi. Il rendimento del Bund decennale scende di 3 bp allo 0,26%, quello del BTP scende di 4 bp all'1,87% (-4 bp per il Bono spagnolo all'1,43%). Lo spread scende di 1 bp a 161.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata odierna segnaliamo che negli USA l'EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che, nella settimana terminata lo scorso 6 gennaio, le scorte di petrolio sono cresciute di 4,097 milioni di barili. Le stime degli analisti erano fissate su un incremento di 1,162 milioni di barili. Nella settimana precedente le scorte di petrolio greggio erano diminuite di 7,051 milioni di barili. Nel mese di novembre la produzione manifatturiera Nel Regno Unito è aumentata dell'1,3% rispetto al mese precedente, a fronte di attese degli analisti fissate su un incremento dello 0,5%. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno la crescita è del'1,2% a fronte di attese pari al +0,4%. Nel Regno Unito in novembre la Bilancia Commerciale ha registrato un deficit pari a 12,2 miliardi di sterline, in crescita da 9,9 miliardi di ottobre. Questo risultato riflette un incremento di 0,7 miliardi di sterline delle esportazioni (+2,8%) e un incremento delle importazioni, salite di 3,3 mld di sterline. L'Istituto Nazionale di Statistica spagnolo ha comunicato che la produzione industriale in Spagna in novembre (stima provvisoria) è cresciuta del 3,2% rispetto allo stesso periodo del 2015 dal +0,6% a/a registrato a ottobre. Gli analisti avevano stimato un incremento della produzione industriale dell'1% su base annuale.