Le principali Borse europee hanno aperto l'ultima seduta della settimana in leggero calo. Il Dax30 di Francoforte cede lo 0,1%, il Cac40 di Parigi lo 0,08%, il Ftse100 di Londra lo 0,07% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,05%.
Tra i titoli in evidenza Allianz +3%. Il colosso assicurativo tedesco ha annunciato risultati per il quarto trimestre segnati dal balzo dei profitti netti del 23% a 1,7 miliardi di euro contro gli 1,54 miliardi del consensus di Reuters. Nell'intero 2016 gli utili sono cresciuti del 4% a 6,9 miliardi, contro i 6,77 miliardi attesi dagli analisti. Il board ha migliorato la cedola del 4,1% e parallelamente annunciato un piano di buyback da 3 miliardi di euro in avvio venerdì 17 febbraio e della durata di 12 mesi.
Essilor +0,6%. Il leader mondiale nella produzione di lenti oftalmiche impegnato nella fusione da 46 miliardi di euro con l'italiana Luxottica ha comunicato per l'esercizio 2016 profitti netti in crescita del 7,4% a 813 milioni di euro, a fronte di ricavi aumentati del 5,9% a 7,12 miliardi.
Stada +2%. Il produttore tedesco di farmaci generici ha comunicato di avere ricevuto una nuova proposta d'acquisto da parte di un terzo pretendente, di cui non è stata resa nota l'identità, che ha offerto 58 euro per azione.
Infineon -1%. L'americana Cree ha rinunciato a cedere la divisione Wolfspeed Power al produttore di semiconduttori tedesco a causa del giudizio negativo all'operazione da parte delle autorità Usa.
Aegon +3,5%. Il gruppo assicurativo olandese ha chiuso il quarto trimestre con un utile netto a 470 milioni di euro contro i 430 milioni attesi dagli analisti. Proposto un dividendo di 0,13 euro per azione.

(RV)