La Borsa di New York ha chiuso la seduta poco mossa. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,04% mentre l'S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno lasciato sul terreno rispettivamente lo 0,09% e lo 0,08%.
A Wall Street sono scattate alcune prese di beneficio dopo una serie consecutiva di record.
In giornata sono stati diffusi alcuni rilevanti dati macroeconomici.
Le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 10 febbraio si sono attestate a 239 mila unità, inferiori alle attese (245 mila) ma superiori al dato rilevato la settimana precedente (234 mila). Il numero totale di persone che richiede l'indennità di disoccupazione si attesta a 2,076 milioni, inferiore ai 2,079 milioni precedenti.
La Federal Reserve di Philadelphia ha reso noto che il proprio Indice, che monitora l'andamento dell'attivita' manifatturiera dell'area di Philadelphia, si e' attestato nel mese di febbraio a 43,3 punti da 23,6 punti di gennaio risultando nettamente superiore alle attese degli analisti che si aspettavano un valore dell'indice pari a +18 punti.
I nuovi cantieri residenziali sono aumentati a gennaio passando a 1246 mila unita' da 1279 mila unita' (-2,6%). Il dato e' comunque superiore alle attese degli analisti che si aspettavano un valore pari a 1222 mila unita'. Aumentano le Licenze edilizie a 1285 mila unita' da 1210 mila unita' (consensus 1230 mila unita') in crescita del 4,6%.
Sul fronte societario Cisco Systems +2,38%. Il leader mondiale del settore IT ha comunicato risultati relativi al secondo trimestre del suo esercizio segnati dal crollo degli utili del 25% a 2,35 miliardi di dollari, pari a 47 centesimi per azione. Su base rettificata l'eps si è però attestato a 57 centesimi, contro i 56 centesimi del consensus di Thomson Reuters. Le vendite sono calate del 2,9% a 11,6 miliardi di dollari, appena meglio rispetto alle attese degli economisti.