Finalmente la tirannia delle élite finanziarie globali è stata sballottata per bene. Si può contare su di loro quando c'è bisogno dell'ennesima campagna shock delle banche centrali per arrestare e invertire l'attuale ondate di vendite. Ma stavolta non sarà credibile, sostenibile, o forse anche possibile.

Banche centrali, Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale, Casa Bianca/Tesoro USA, OCSE, G-7 e il resto dell'apparato della Finanza delle Bolle, hanno davvero forzato la loro mano. Hanno creato un tessuto di menzogne finanziarie; un affronto alle leggi di mercato, alla moneta sonante e alla prosperità capitalistica.

Quindi ci sarà uno sgonfiamento e una deflazione traumatica delle bolle.

Sulla questione del Brexit, il popolo britannico ha respinto la tirannia arrogante del superstato dell'UE e quella dei suoi tribunali non eletti, delle commissioni e dei burocrati.

Come si è affrettato a sottolineare Donald Trump, si sono ripresi il loro paese. Egli chiede che gli americani facciano la stessa cosa, e lui potrebbe convincerli.

Ma che Trump riesca ad andare alla Casa Bianca o no, è praticamente certo che il Brexit è una malattia politica contagiosa. In risposta all'evento storico recente, seguiranno campagne per Frexit, Spexit, Nexit, Grexit, Italxit, Hungexit e movimenti politici più centrifughi.

Viene data un'altra possibilità allo stato limitato — almeno in geografia. E questa è una cosa molto buona, perché più è circoscritta la democrazia, più sono limitate le élite finanziarie centralizzate.