In giornata in cui la debolezza sembra aver la meglio a Piazza affari almeno fino a questo momento, spiccano le buone performance registrate da alcuni titoli del settore del risparmio gestito. Banca Mediolanum mette a segno un rally di oltre il 3%, seguito da Azimut che guadagna l'1,54%, mentre è preceduto dal segno meno FinecoBank con un rosso dello 0,82%. Tra i titoli a minore capitalizzazione Anima Holding cede un frazionale 0,18%, mentre Banca Generali si apprezza dell'1,18%.

Le indicazioni su Bca Mediolanum e Azimut

I titoli del comparto catalizzano l'attenzione degli investitori sulla scia dei dati relativi alla raccolta del mese di dicembre diffusi nelle ultime ore. Banca Mediolanum nell'ultimo mese del 2016 ha riportato un raccolta netta pari a 1,071 miliardi di euro, con un saldo positivo per l'intero anno di 5,61 miliardi di euro, in crescita del 20% rispetto all'anno precedente. Come spiegato in una nota dall'AD Massimo Doris, Banca Mediolanum a dicembre ha registrato la migliore raccolta mensile di sempre, con un dato annuale eccezionale, che assume ancor più valore considerato l'anno complesso per tutto il mondo finanziario.

Numeri accolti con favore dagli analisti, a partire da quelli di Kepler Cheuvreux che parlano di una forte raccolta netta a dicembre, alla luce della quale hanno deciso di migliorare di circa il 9% le stime sull'utile per azione del 2016. La raccomandazione sul titolo resta ferma a "hold", ma il prezzo obiettivo viene alzato da 7 a 7,3 euro.

Bullish la strategia di Mediobanca Securities che su Banca Mediolanum ribadisce il rating "outperform", con un target price a 7,5 euro. I dati relativi alla raccolta dell'ultimo mese del 2016 hanno battuto le attese degli analisti, i quali ricordano che Banca Mediolanum è l'unico titolo del risparmio gestito ad essere coperto con una raccomandazione "outperform".