Gli impieghi netti verso la clientela hanno riportato una contrazione dell'1% a 109,4 miliardi di euro, mentre i crediti deteriorati sono diminuiti del 12,1% a 14,2 miliardi.
A fine giugno il Common Equity Tier 1 era pari all'11,07%  rispetto al 12,3% di fine 2016, mentre il Tier 1 ratio phase-in è pari all'11,31% e il Total Capital ratio al 13,43%.

Qualche indicazione per l'esercizio in corso

Quanto alle indicazioni per l'anno in corso, Banco BPM ha fatto sapere che nel corso dell'esercizio continuerà ad essere impegnato nella realizzazione delle iniziative progettuali delineate nel piano strategico 2016-2019, con priorità per la razionalizzazione delle attività di private e investment banking e la definizione delle partnership nell'asset management e nel bancassurance.

La gestione ordinaria resterà improntata al recupero di redditività, che trarrà vantaggio dagli effetti sinergici derivanti dalla fusione.
I livelli di copertura dei crediti deteriorati si manterranno elevati, e la riduzione degli stock proseguirà sia attraverso operazioni interne alla banca, sia dando esecuzione al previsto programma di cessione di posizioni classificate a sofferenza.

Siglato accordo con Anima per la cessione del 100% di Aletti

Da segnalare che Banco BPM ha reso noto di aver siglato un accordo preliminare per la cessione del 100% di Aletti Gestielle SGR ad Anima Holding, per un prezzo in contanti pari a 700 milioni di euro, incremento del patrimonio netto in eccesso e degli utili di periodo al closing, stimati indicativamente in circa 250 milioni di euro complessivi.

La cessione genererà per Banco BPM una plusvalenza pari a circa 700 milioni di euro al lordo dell'effetto fiscale, comportando un incremento del Common Equity Tier 1 ratio fully phased pari a 91 punti base. L'accordo prevede una partnership strategica tra Banco BPM e Anima per una durata di 20 anni.