Warren Buffett non è certo l'unico al mondo ad odiare i debiti. E' certo però che nessuno come lui ha fatto di questo sentimento di avversione per il denaro preso a credito la base di una delle più brillanti carriere di tutti i tempi nel campo degli investimenti finanziari.

Come odia i debiti Buffett...

Il miliardario di Omaha, oggi terzo uomo più ricco al mondo, non perde occasione quando parla dell'argomento per raccontare di tutte le volte che ha ricevuto lettere accorate da persone che pensavano di poter gestire il peso dei loro debiti, finendo poi per farsene travolgere. E frasi come: "non farti prestare soldi per comprare azioni", oppure: "spendi solo quello che sai di poter perdere", sono ormai parte di quel bagaglio di regole d'oro che ama citare quando parla della sua celebre filosofia d'investimento value.

Un vecchio caso di scuola per capire come NON si investe

Non stupisce quindi che gli affezionati dell'88enne fondatore della Berkshire Hathaway abbiano rispolverato, a poche settimane dal tradizionale e seguitissimo meeting di maggio con gli azionisti della sua società, persino una sua discussione sul tema vecchia più di un quarto di secolo.

Un aneddoto che secondo quanto riporta la CNBC sta spopolando in queste ore sui social per via del personaggio che Buffett citò in quell'occasione come "caso da manuale" per comprendere come non si deve investire: nientemeno che l'attuale Presidente degli Stati Uniti. Donald Trump.

Trump: un caso di scuola