Dopo tre giornate consecutive in calo, la Borsa giapponese ha rivisto il segno più quest'oggi, malgrado gli spunti poco significativi arrivati ieri da Wall Street. L'indice Nikkei 225 è salito dello 0,33% beneficiando dell'indebolimento dello yen nei confronti del dollaro, ma i guadagni sono stati in parte frenati dall'attesa per la conferenza stampa del neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

In positivo le Borse europee che dopo un avvio debole hanno inizialmente ampliato le perdite, salvo poi risalire la china e spingersi in territorio positivo. Al momento il Cac40 e il Ftse100 salgono rispettivamente dello 0,26% e dello 0,22%, preceduti dal Dax30 che avanza dello 0,36%.
Per oggi non sono previsti dati macro di rilievo in Europa e l'attenzione è così rivolta al discorso del presidente Trump che potrebbe condizionare gli umori degli investitori nelle prossime settimane.

Simile il copione di Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo un test di area 19.200, ha ripianato le perdite, presentandosi poco sopra i 19.40 punti con un frazionale calo dello 0,03%.
Tra le blue chips si mettono in evidenza alcuni titoli del lusso come Moncler che vanta un rally di oltre il 3% dopo che Hsbc ha confermato la raccomandazione "buy" sul titolo, con un prezzo obiettivo alzato da 19 a 20 euro.

Lo stesso broker è intervenuto su Luxottica, migliorando il target price da 49 a 54 euro, con un rating fermo a "hold". Il titolo reagisce positivamente con un progresso del 2,36%.
Sempre nel lusso di muove in positivo Salvatore Ferragamo con un rialzo dello 0,36% dop oche Kepler Cheuvreux ha reiterato la raccomandazione "buy" sul titolo, con un fair value alzato da 25 a 27,5 euro.