“Ci sono alcuni segnali d'allarme che stanno diventando sempre più preoccupanti".

Laurence D. Fink, CEO di BlackRock Inc., lancia un avvertimento sulle condizioni dell'economia americana e sugli effetti negativi che un rallentamento della crescita potrebbe produrre a breve sui listini americani. Con un messaggio: se Trump non porta presto al Congresso le sue riforme, i mercati rischiano un arretramento a due cifre.

Serve una spinta sulle riforme

Intervenuto nel corso di un incontro organizzato da Bloomberg Television, il numero uno del più grande fondo di gestione patrimoniale al mondo spiega che i persistenti dubbi sull'efficacia dell'azione riformatrice di Donald Trump per rinvigorire una crescita economica ancora anemica sono la principale fonte di rischio in questo momento per l'azionario.

Gli Stati Uniti, dice, sono al momento la più lenta tra le economie del G7, e alcune spie, come la debolezza del mercato dell'auto americano o il rallentamento delle attività di fusione e acquisizioni societarie, indicano che sta montando un clima di incertezza . 

Gli effetti di mercato

Una situazione che non può che pesare sul mercato azionario. Nonostante infatti mantenga una visione "bullish" sull'azionario, ("ci sono venti contrari", dice, "ma possono essere fronteggiati"), Fink invita a non sottovalutare il potenziale negativo che un rallentamento dell'economia avrebbe sui listini: i livelli elevati delle valutazioni dei titoli, da tempo oggetto dei timori degli analisti, rendono necessario che i profitti delle corporate si mantengano solidi, e che Trump passi dalle parole ai fatti sulle sue proposte in tema di tasse, regolamentazione e infrastrutture.