L’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato nel sito ufficiale, le bozze del nuovo modello 730/20163 dove sono presenti delle interessanti novità, principalmente in materia di Irpef successive all’introduzione dell’Imu. Vi saranno maggiori sconti sulle ristrutturazioni immobiliari, con l'aumento della detrazione dal 36% al 50% e della soglia a 96.000 euro.

Tuttavia solo alcune dei cambiamenti risultano favorevoli al cittadino. Arriva una franchigia di 40 euro per le detrazioni dell'Rc auto e scompare la possibilità, per gli anziani, di concentrare lo sconto delle ristrutturazioni in 3-5 anni.

Per quel che riguarda la casa, ci sarà uno sconto ristrutturazioni al 50%: La detrazione d'imposta per le spese di ristrutturazione e di recupero del patrimonio edilizio sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 passa dal 36% al 50%. Anche il limite massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione sale da 48.000 euro ad un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. Il bonus va ripartito in dieci anni, con quote di pari importo. Lo sconto è valido anche per gli interventi di ricostruzione o ripristino degli immobili danneggiati a seguito di eventi calamitosi.

Casa, addio sconto veloce per anziani: Scompare per i contribuenti di età non inferiore a 75 e 80 anni la possibilità di ripartire la detrazione rispettivamente in 5 e 3 quote annuali. Tutti devono ripartire l'importo in 10 rate.

Bonus energia su nuovi saldacqua: Anche lo scaldacqua ammesso alla detrazione d'imposta del 55% per gli interventi di risparmio energetico. Lo sconto varrà però se si sostituisce il vecchio scaldabagno con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.