Le incertezze non sono mancate anche oggi, ma alla fine gli acquisti hanno avuto la meglio sulle Borse europee che hanno chiuso gli scambi in positivo. Il Cac40 è rimasto sulla parità con un frazionale rialzo dello 0,01%, in linea con quanto accaduto ieri, mentre il Ftse100 e il Dax30 si sono apprezzati rispettivamente dello 0,21% e dello 0,54%.

Ftse Mib: i prossimi livelli da tenere d'occhio

Conclusione positiva anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib ha archiviato la seduta fermandosi a 19.486 punti, con un rialzo dello 0,32%, dopo aver toccato un massimo intraday a 19.583 e un minimo a 19.210 punti.
L'indice delle blue chips ha provato a riconquistare la soglia dei 19.500 punti che è stata violata nell'intraday, per poi essere nuovamente ceduta in chiusura di sessione.

La vicina dei corsi al suddetto livello induce a sperare in un nuovo tentativo rialzista che oltre i 19.500 punti troverà un primo ostacolo in area 19.700/19.800. Se il Ftse Mib riuscirà ad avere ragione di questo ostacolo potrà allungare verso la soglia psicologica dei 20.000 punti, con eventuali estensioni rialziste fin verso i 20.150/20.200 punti.

Al ribasso il primo sostegno da monitorare è in area 19.250/19.200, testata nuovamente oggi, sotto cui il Ftse Mib scenderà verso la soglia dei 19.000 punti. Un primo segnale di incertezza si avrà con l'abbandono di questo livello, preludio ad una prosecuzione delle vendite verso i 18.800/18.700 prima e i 18.500 punti in un secondo momento. Sotto il supporto appena segnalato la discesa troverà un sostegno successivo in area 18.000.
Al momento l'intonazione del mercato si conferma rialzista, ma servono nuovi spunti per ridare vitalità al Ftse Mib che ha perso un po' smalto rispetto alle ultime sessioni.