Termina sul massimo di giornata il nostro indice di riferimento dopo che per tutta la mattinata aveva viaggiato in territorio negativo, come spesso si dice in questi casi gli acquisti sono arrivati quando i trader americani hanno cominciato a pigiare sulle loro tastiere.

Ed ecco allora che il nostro Ftse Mib (+0,90%) è risultato ancora il miglior indice del Vecchio Continente, si sono dovuti accontentare di un rialzo più contenuto Francoforte (+0,7%), Parigi (+0,5%) e soprattutto Londra (+0,0%).

Anche oggi protagonista assoluto il comparto bancario, con Bper (+4,52%) maglia rosa di giornata tornata sopra quota 5 euro avendo messo a segno un guadagno del 34% in sole cinque sedute!!!

Non è da meno Banco Popolare (+3,92%) e +36% nelle ultime cinque sedute. Per i graficisti è da manuale il doppio minimo disegnato da Unicredit (+3,15%) che però rimane su quotazioni sacrificate e mette a segno un rialzo superiore ai tre punti percentuali BpM (+3,11%).

Si inserisce  in questo gruppo di bancari, andando ad occupare il terzo gradino del podio Tod’s (+3,20%) ora gli azionisti si augurano che quota 60 euro sia stata una buona base dalla quale riprendere a salire.

Un altro titolo che ha una gran voglia di riprendersi è Saipem (+3,00%), forse il peggio è davvero alle spalle.

Non ferma la sua ascesa Buzzi Unicem (+2,81%) la cui performance da inizio anno è tutt’ora negativa, ma il rimbalzo dai minimi di febbraio è stato senza dubbio esaltante (+33%).

Ed infine segnaliamo anche il quinto rialzo consecutivo da parte di Generali (+1,91%) che dopo l’addio di Mario Greco ha vissuto un momento davvero difficile.