Il Ftse Mib (+0,35%) recupera quota 21.000 punti, ma non possiamo essere soddisfatti per l’odierna seduta a Piazza Affari, le altre Borse europee, infatti, hanno messo a segno rialzi ben superiori al nostro: Francoforte (+1,1%), Parigi (+0,9%) e Londra (+0,8%), e Wall Street, come di consueto, in questo momento sta nuovamente polverizzando i propri record storici.

Certo va detto che due titoli che compongono il nostro indice principale hanno oggi distribuito un rilevante dividendo, e precisamente Terna (+1,01%) e Poste Italiane (-0,82%) che hanno accreditato ai propri soci rispettivamente 0,206 euro (circa il 4% rispetto al valore di chiusura di venerdì scorso) e 0,39 euro (pari a circa il 6% del valore alla chiusura di venerdì scorso) per ogni azione posseduta.

Un movimento anomalo nell’asta di chiusura ha portato Intesa Sanpaolo (-0,47%) a lasciare sul terreno mezzo punto percentuale in una seduta non negativa per il comparto, Banco BPM (+1,63%), Bper Banca (+0,62%), Unicredit (+0,32%), Ubi Banca (+0,22%) e Mediobanca (+0,06%) pur non brillando hanno terminato la giornata con un guadagno.

Contrastato il risparmio gestito con Banca Generali (-0,70%) ed Azimut (-0,33%) che hanno dovuto cedere alle vendite, mentre  Banca Mediolanum (+0,61%) e soprattutto la solita Finecobank (+1,49%) si sono riportate nei pressi dei loro massimi dell’anno.

Il risveglio del Nasdaq a New York ha riportato sul gradino più alto del podio Stmicroelectronics (+3,02%), alle sue spalle la solita Campari (+2,52%) di nuovo ad un soffio dal proprio record storico stabilito il primo giorno del mese in corso.

Terzo gradino del podio per Prysmian (+2,14%) che ormai da un mese ha ripreso a correre.

Segnali di ripresa da UnipolSai (+1,96%) ormai prossimo a tornare su quota 2 euro e seduta positiva anche per due titoli che stanno regalando ottime soddisfazioni ai propri azionisti, ci riferiamo a Ferrari (+1,84%) e Brembo (+1,65%).

Concludiamo infine segnalando qualche presa di profitto per quanto riguarda Moncler (-0,61%) e Cnh Ind. (-0,39%) all’indomani del nuovo massimo assoluto stabilito al termine della scorsa ottava.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?
Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/