La nuova settimana dovrebbe partire nel segno dell'incertezza per la piazza azionaria americana, stando a quanto evidenziato dai futures sui principali indici. Il contratto sull'S&P500 cede lo 0,09%, mentre quello sul Nasdaq100 si mantiene al di sopra della parità con un frazionale rialzo dello 0,06%.

Dopo i nuovi record storici segnati venerdì scorso quando il Dow Jones è arrivato a lambire l'area dei 20.000 punti, fermandosi a poca distanza dalla stessa, gli investitori optano per la cautela in una giornata priva di dati macro di rilievo.
Da segnalare per oggi solo un discorso di Eric Rosengren, presidente della Fed di Boston, oltre al quale prenderà la parola anche Dennis Lockhart, a capo della Fed di Atlanta.

Sul fronte valutario il dollaro ripiega nei confronti dello yen e scende in area 116,65, mentre il biglietto verde guadagna terreno rispetto all'euro che scende poco sopra quota 1,05.
Vendite sul petrolio che dopo aver lambito l'area dei 54 dollari al barile venerdì scorso ora si presenta poco al di sotto dei 53 dollari, mentre gli acquisti sostengono l'oro che torna a quotare poco oltre la soglia dei 1.179 dollari l'oncia.

Tra i vari titoli da seguire Procter & Gamble finito sotto la lente di Goldman Sachs, i cui analisti hanno deciso di rivedere al ribasso la strategia sul titolo da "neutral" a "sell", con un prezzo obiettivo a 77 dollari.

Buone notizie per Gartner dopo che Barclays ha migliorato il rating da "equalweight" a "overweight", con un target price a 115 dollari.

Sotto i riflettori McDonald's che, secondo indicazioni di stampa, venderà l'80% delle sue attività in Cina ad un consorzio composto dalla holding cinese Citic e dal fondo private equity Carlyle.