Per gli analisti di Banca Imi valgono un buy Erg con target price di 14,90 euro, alzato dai precedenti 14,50 in scia alla semestrale e alla conferma della guidance per quest’anno, Telecom Italia con prezzo obiettivo di 1,08 euro dopo che cinque membri del board, espressione dei fondi, avrebbero fatto pervenire alla società una richiesta di integrazione dell’ordine del giorno del primo cda del gruppo in merito alla questione Vivendi–Tim e Unipol con fair value di 4,80 euro, alzato dai precedenti 4,60 euro in scia all’implementazione della riorganizzazione annunciata a fine giugno.

Ancora, Equita Sim assegna un buy a Iniziative Bresciane con target di 23 euro nonostante i risultati semestrali inferiori alle stime e a Technogym con obiettivo di 7,60 euro, alzato dai precedenti 7,40 euro dopo la semestrale. Banca Akros giudica invece accumulate Azimut Holding con fair value di 21,50 euro in scia ai dati relativi alla raccolta di luglio e Telecom Italia con prezzo obiettivo di 1,15 euro.

Infine, Mediobanca valuta outperform Enav con obiettivo di 4,30 euro in scia ai risultati del secondo trimestre, Iren con target di 2,34 euro in scia alla nomina di un nuovo board per la controllata al 49% Valle Dora Energia, Safilo con fair value di 5,30 euro dopo l’annuncio dell’entrata sul mercato bielorusso e del Kazakhstan e Sias con obiettivo di 13,10 euro dopo i risultati del secondo semestre.

G.R.