I consumer cyclical hanno ancora del potenziale inespresso. Il settore ha avuto un andamento in linea con quello del mercato (Figura 1, indici Msci World vs Msci World/Consumer discretionary,in dollari Usa), ma nonostante questo è scambiato a un rapporto Prezzo/Fair value medio di 0,97 (aggiornamento al 10/11/2017). All’interno del comparto è il segmento dei produttori di abbigliamento quello che al momento presenta le valutazioni più convenienti (Figura 2, rapporto medio P/FV segmento apparel manufacturer) e, tra questi, i grandi marchi dello sportswear Nike, Under Armour e Hanesbrands, secondo gli analisti di Morningstar, rappresentano le migliori occasioni di investimento.

Figura 1: Indice Msci World vs Msci World/Consumer discretionary (in dollari Usa)

Figura 2: Rapporto medio P/FV segmento apparel manufacturer

Le occasioni di investimento

I tre produttori americani possono vantare una posizione di vantaggio rispetto ai competitor e, in seguito al loro negativo andamento in Borsa negli ultimi tre mesi, sono scambiati a sconto rispetto al loro fair value (Figura 3).

Hanesbrands ha ceduto quasi il 20% negli ultimi 90 giorni (in dollari Usa al 10 novembre 2017) e ora è scambiata a un rapporto P/FV di 0,62. Il Moat dell’azienda è frutto di un portafoglio marchi di assoluto valore (come Champion, College Apparel e Just My Size), del controllo della catena dei fornitori e delle elevate economie di scala. In questo modo riesce a ricavare mark-up elevati sui prodotti e dunque a mantenere margini di profitto superiori alla media.