Firenze, 15 gen. - (Adnkronos) - Aveva minacciato di morte con una telefonata minatoria il presidente della Toscana, Eugenio Giani, intimando di cessare il suo impegno a favore delle vaccinazioni anti Covid: l'autore è stata identificato e denunciato. Si tratta di un uomo della provincia di Lucca, 35 anni, che venerdì 14 gennaio è stato oggetto di una perquisizione da parte della Polizia di Stato, con il personale della Digos di Firenze e l'ausilio della Digos di Lucca, su ordine della Procura di Firenze.
Il 35enne lucchese è ritenuto, nell'ambito delle indagini preliminari in corso, l'autore di minacce nei confronti del governatore Giani in relazione all'impegno profuso dalla Regione nella campagna di sensibilizzazione alla vaccinazione-
In particolare il 24 novembre scorso, l'indagato avrebbe effettuato una telefonata al centralino della segreteria del presidente della Regione entrando nel merito di alcune esternazioni di Giani sulla campagna vaccinale, concludendo la conversazione con minacce di morte.
Presso l'abitazione dell'indagato, un uomo già colpito da numerose segnalazioni di polizia e reati contro la persona, è stato sequestrato un telefono cellulare e la scheda sim da cui sarebbe pervenuta la chiamata incriminata.