Roma, 24 nov. (Adnkronos) - Enel prevede di mobilitare investimenti per 190 miliardi di euro nel periodo 2021-2030, promuovendo la decarbonizzazione, l’elettrificazione dei consumi e le piattaforme per creare valore condiviso e sostenibile per tutti gli stakeholder e redditività di medio e lungo periodo. E' quanto rileva il gruppo guidato da Francesco Starace che "in un decennio di profonda trasformazione "mette al centro della propria strategia l’accelerazione della transizione energetica assieme a una crescita sostenibile e remunerativa per creare un significativo valore condiviso per tutti gli stakeholder, oltre che un interessante rendimento per gli azionisti nel tempo". La crescita attesa dell’ebitda ordinario di gruppo si attesta al 5%-6% in termini di tasso di crescita annuo composto ('Cagr'), a fronte di un previsto incremento dell’Utile netto ordinario del 6%-7% (sempre in termini Cagr) tra il 2020 e il 2030".
La posizione di leadership del gruppo Enel nel settore e i suoi progressi verso una completa digitalizzazione consentono l’adozione di due modelli di business: quello tradizionale, detto di 'Ownership', in cui le piattaforme digitali sono promotrici del business a sostegno della redditività degli investimenti, e il modello di 'Stewardship', che catalizza investimenti di terzi in collaborazione con Enel, o nell’ambito di piattaforme generatrici di business.
Il gruppo prevede di investire direttamente circa 160 miliardi di euro, di cui oltre 150 miliardi di euro mediante il modello di business di Ownership e circa 10 miliardi di euro attraverso il modello di business di Stewardship, mobilitando al contempo ulteriori 30 miliardi di euro circa provenienti da terzi.