Roma, 8 mag. (Adnkronos) - "La produzione di idrogeno blu rappresenta la soluzione più conveniente nel breve-medio termine per ridurre l'impronta di carbonio di impianti altamente energivori (i cosiddetti hardto-abate). Per Eni è cruciale seguire un approccio tecnologicamente neutrale nella produzione dell’idrogeno, sviluppando e applicando tutte le tecnologie disponibili e sostenibili in ottica low carbon, senza escluderne alcuna". E' quanto si legge nelle risposte dell'Eni alle domande degli azionisti in vista dell'Assemblea ordinaria programmata per il 12 maggio sullo sviluppo dell'idrogeno.
L’uso dell’idrogeno, sottolinea ancora il gruppo, "rappresenta una soluzione alla decarbonizzazione di settori industriali altamente energivori in cui l’elettrificazione non è un’opzione attualmente percorribile o risolutiva. L’idrogeno rappresenta sicuramente una valida opzione per una mobilità sostenibile nel medio termine come vettore energetico nei settori dei trasporti hard to abate come il trasporto pesante e a lungo raggio". Eni, si sottolinea, "ha sviluppato inoltre significative competenze nel campo della combustione di miscele idrogeno-gas naturale nelle turbine a gas esistenti attraverso una tecnologia che permette di aumentare la percentuale di idrogeno con cui alimentare le turbine a gas Enipower per generare elettricità a basso contenuto di carbonio".