Milano, 13 ago.(Adnkronos) - Fondazioni antiusura, associazioni dei consumatori, professori universitari e operatori del volontariato chiedono che venga riammesso nel decreto Semplificazioni l'emendamento che puntava a ottenere una riforma delle legge 3/2012 sul sovraindebitamento attraverso il recepimento in via immediata delle novità introdotte dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza. I presidenti della commissione Lavori pubblici e Affari costituzionali del Senato avevano motivato l’esclusione ritenendo l’emendamento improponibile per estraneità della materia.
"Facciamo osservare che su tale emendamento l’Ufficio legislativo del Ministero di Giustizia aveva preannunciato parere positivo" e anche "Bankitalia si era pubblicamente espressa a favore". Come anche molte associazioni e fondazioni antiusura "lo avevano giudicato indispensabile per contrastare la diffusione dell’usura", scrivono le associazioni nell'appello. "Riteniamo, pertanto, che il giudizio d’improponibilità 'per estraneità alla materia' sia stato affrettato, forse per la preoccupazione delle migliaia di emendamenti presentati. Chiediamo quindi di riammettere l'emendamento che è non estraneo ma, anzi, completamente pertinente alla materia delle semplificazioni".