Catania, 5 mar. (Adnkronos) - "Io ho fatto solo il mio dovere, salvando vite umane. Ora il governo Draghi si impegni a controllare chi entra ed esce in Italia". Sono da poco passate le 13 quando Matteo Salvini, indossando la mascherina tricolore con il simbolo della Lega, lascia l'aula bunker del carcere Bicocca di Catania. Accanto a lui c'è, come sempre, l'avvocato Giulia Bongiorno. E' appena terminata la quinta udienza preliminare del procedimento che vede l'ex ministro dell'Interno sotto accusa per sequestro di persona per la vicenda della nave Gregoretti. Il gup del Tribunale di Catania Nunzio Sarpietro alla fine dell'udienza ha fatto sapere che la decisione sarà presa il 14 maggio. O il rinvio a giudizio del leader della Lega oppure il non luogo a procedere, come chiede la stessa Procura di Catania. Oggi è stato ascoltato per più di due ore l'ambasciatore Maurizio Massari. Per la difesa di Salvini è stata una testimonianza "molto efficace". E il leader della Lega aggiunge: "L'ambasciatore ha detto che quello che ho fatto io è stato fatto prima ed è stato fatto dopo. Anzi, grazie a quello che ho fatto io si sono dati una sveglia. Ci rivedremo il 10 aprile e poi si chiude il 14 maggio".
E a chi gli chiede un pronostico si limita a dire: "Ma non faccio pronostici, continuo a ritenere di aver fatto il mio dovere e di avere salvato vite umane". Però lancia un messaggio al premier: "Il governo Draghi si dovrà impegnare e concentrare sul controllo di chi entra e di chi esce in Italia, perché all'emergenza economica si somma quella sanitaria". E come si potranno conciliare le divergenze tra la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese e il sottosegretario leghista Nicola Molteni, tra gli ideatori dei decreti Sicurezza? "Le risolveremo con il Presidente Draghi, tra persone serie e concrete", taglia corto Salvini. E aggiunge: "Non ho nessun dubbio che anche su questo fronte l'Italia farà dei passi avanti".
Intanto salta la deposizione dell'ex Presidente dell'Anm Luca Palamara, che era stata chiesta dall'avvocato di parte civile Corrado Giuliano, che rappresenta l'associazione 'AccoglieRete'. Il gup Sarpietro, dopo più di un'ora di camera di consiglio ha detto di no rigettando la richiesta della parte civile. "Dalle dichiarazioni di Palamara emergono inquietanti profili di orientamento della giurisdizione in relazione agli indirizzi correntizi interni alla magistratura nelle sedi giudiziarie e istituzionali che si sono occupate dell'odierno giudizio'', ''sia nel senso del non luogo a procedere che in quello del rinvio a giudizio", aveva scritto l'avvocato Giuliano nella memoria depositata ieri in cancelleria. Ma il gup ha detto di no.