New York, 29 gen. - (Adnkronos) - Il medico statunitense Johan Hultin, patologo clinico noto per aver recuperato il virus originale dell'influenza Spagnola del 1918 in Alaska, consentendo gli scienziati la possibilità di mappare il materiale genetico, è morto nella sua casa di Walnut Creek, in California, all'età di 97 anni. La notizia della scomparsa, avvenuta il 22 gennaio, è stata pubblicata oggi dal "New York Times", come riporta l'Adnkronos.

Nato a Stoccolma (Svezia) il 7 ottobre 1924, Hultin si laureò in medicina all'Università di Uppsala e nel 1949 si trasferì negli Usa per conseguire il dottorato in patologia clinica all'Università dello Iowa. Nell'ambito delle due ricerche Hultin si prefisse di cercare di recuperare il virus della Spagnola. Nel 1951 partì insieme alla sua squadra per un villaggio remoto dell'Alaska, a Brevig Mission: Hultin pensò con ragione che dato che le vittime furono seppellite nel ghiaccio del permafrost, il patogeno si sarebbe conservato. Il ricercatore riuscì a ottenere il permesso dalla matriarca discendente della comunità Inuit che era stata quasi sterminata nel 1918 a disseppellire alcuni cadaveri per prelevare campioni di tessuto polmonare. Hultin riuscì nell'intento ma il campione prelevato risultò troppo deteriorato per tentare di coltivarne le cellule in vitro e identificare l'agente virale.
Hultin, che nel frattempo lavorava in diversi ospedali della San Francisco Bay Area, dovette pertanto rinunciare ma non smise di coltivare il sogno di riuscire un giorno nell'impresa. L'occasione si ripresentò nel 1997 quando con Jeffery Taubenberger, virologo del National Institutes of Health, agenzia del Dipartimento della Salute degli Stati Uniti, ripartì per l'Alaska e questa volta ebbe più fortuna: scavando nel permafrost portò alla luce una donna inuit morta quasi 80 anni prima in eccellente stato di conservazione, riuscendo a trovare campioni di tessuto polmonare perfettamente conservato, da cui riuscì a sequenziare il genoma del virus della Spagnola, che fu poi ricreato nel 2005 in ambienti di laboratorio.