Milano, 10 ago. (Adnkronos) - L'estate 2020 alle Gallerie d'Italia vede protagonisti i capolavori delle collezioni d’arte di proprietà di Intesa Sanpaolo, con ingresso gratuito sabato 15 agosto. A Milano sono state riaperte le sale che ospitano le collezioni permanenti 'Da Canova a Boccioni' e 'Cantiere del 900'. 'Da Canova a Boccioni' propone un percorso che, partendo dal Neoclassicismo, documentato dai bassorilievi canoviani, giunge alle soglie del Novecento con le tele prefuturiste di Boccioni, passando attraverso un secolo di pittura italiana. La nuova selezione di opere del 'Cantiere del '900', il progetto dedicato alla valorizzazione del patrimonio artistico del XX e XXI secolo di Intesa Sanpaolo, inaugurato nel 2012 e rinnovato nel 2015, si sofferma in questa edizione su una scelta di capolavori degli anni Cinquanta-Ottanta, con lavori di Fontana, Burri, Vedova, Afro, Dorazio, Schifano, Manzoni.
Diversi i percorsi che si snodano nelle cinque sale di Palazzo Beltrami connesse al magnifico salone centrale che presenta sculture di Carrino, Staccioli, Pascali, Fontana, Cavaliere e Colla. Sempre nell’ambito di 'Cantiere del 900', fino alla fine di agosto viene proposto nella Sala delle Colonne un approfondimento temporaneo sulle opere presenti nella collezione di Intesa Sanpaolo legate all’Arte nucleare, movimento nato a Milano nel 1950 per 'abbattere tutti gli ismi' dopo i tragici eventi della Seconda guerra mondiale e soprattutto gli effetti devastanti della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki.
A Napoli, a Palazzo Zevallos Stigliano torna protagonista il capolavoro assoluto delle collezioni Intesa Sanpaolo: il Martirio di sant’Orsola di Caravaggio. Lo splendido palazzo accompagna i visitatori alla scoperta dell’arte napoletana dal XVII agli esordi del XX secolo fra cui l’importante nucleo di opere di Vincenzo Gemito, 'scugnizzo scultore' che svela nella sala a lui dedicata il famoso ritratto della Zingara insieme a sculture famose come il Fiociniere.