Roma, 28 set. (Adnkronos) - "Ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno per capire come mai il gruppo di 125 migranti presenti sulla Ong ‘Alan Kurdi’, di cui 10 positivi al Covid -che ricordiamo essere stata respinta dalle autorità francesi per poi attraccare al porto di Olbia- non sono stati ricollocati in altri Paesi europei come da accordi ma, ancora oggi, risultano distribuiti sul territorio sardo". Lo afferma Salvatore Deidda, deputato di Fratelli d'Italia.
"E inoltre, ci chiediamo -aggiunge- chi tra la Regione Sardegna e il sistema sanitario italiano dovrà accollarsi le spese per i controlli sanitari dovuti e se l’imbarcazione in questione presenta tutte le prescrizioni tecniche e sanitarie per intraprendere simili tratte. Il governo ci dia immediatamente le dovute risposte e prenda provvedimenti, rispettando quanto già disposto”.