Milano, 13 feb. (Adnkronos) - Il Milan non riesce a battere la Juventus a San Siro nella sfida di andata delle semifinali di Coppa Italia. Finisce 1-1 con i rossoneri che vengono raggiunti al 91' su calcio di rigore dopo il vantaggio di Rebic al 61'. Né Pioli né Sarri fanno turnover per questa sfida ma i rossoneri sembrano rigenerati e sin dall'avvio appaiono più convinti e vogliosi di vincere la partita. La squadra di Pioli passa in vantaggio al 61' e poi cerca di resistere fino al termine, in inferiorità numerica per l'espulsione di Theo Hernandez al 71', ma il fallo di mano di Calabria, manda l'arbitro Valeri al Var che decide per il penalty che Ronaldo non sbaglia per l'1-1 finale che sa un po' di beffa per il Milan molto critico sulla decisione del direttore di gara. Per la gara di ritorno Pioli dovrà fare a meno di diversi giocatori importanti che saranno squalificati come Ibrahimovic, Theo Hernandez e Castillejo.
In avvio bastano appena 42 secondi a Ibra su cross di Rebic per staccare di testa sopra la traversa. Al 2' un siluro di Kessie dalla distanza dopo un gioco di prestigio di Hernandez, termina di poco fuori. I rossoneri spingono e al 10' Hernandez va via a Cuadrado e crossa basso, Ibra cerca la rifinitura di tacco, sotto porta, ma mette fuori. La reazione della Juve arriva al 16' da una invenzione di Dybala che serve Matuidi, ma il cross non è giocabile da Cuadrado sul lato opposto. I padroni di casa insistono e al 22' tiro potente di Calabria ma Buffon si oppone in acrobazia con un braccio in angolo. Poco dopo è ancora Ibra ad impensierire Buffon che blocca distendendosi sulla sua destra. Nel finale di primo tempo gran tiro di Cuadrado ma Donnarumma non si fa sorprendere. Al 41' fallo su Ibrahimovic, ma la punizione di Calhanoglu termina sulla barriera.